Peste suina: no a strumentalizzazioni, sì a coinvolgimento del mondo venatorio

Peste suina: no a strumentalizzazioni, sì a coinvolgimento del mondo venatorio
Armi e Tiro INTERNO

Riceviamo e pubblichiamo:. “Ha destato comprensibile e fondata preoccupazione la conferma di alcuni, per fortuna al momento limitati, casi di peste suina africana anche sul nostro territorio nazionale, riscontrati in alcuni capi di cinghiale.

Federcaccia ha diffuso un comunicato nel quale affronta il tema di stringente attualità dei primi casi di peste suina africana accertati nel nostro Paese.

Come già per l’epidemia, anche in questo caso riteniamo sia nostro dovere di cittadini contribuire allo sforzo comune, mettendo a disposizione il bagaglio di esperienza e professionalità proprie della nostra attività. (Armi e Tiro)

Ne parlano anche altri giornali

E’ quanto sostiene Coldiretti Piemonte nell’inviare in Regione la richiesta formale vista l’emergenza in atto. Istituire al più presto un tavolo permanente regionale per condividere le problematiche e le azioni necessarie da mettere in campo poiché i casi accertati di peste suina africana rappresentano un forte pericolo per il comparto suinicolo e stanno generando una fase estremamente delicata in cui è necessario dare le giuste comunicazioni, in maniera puntuale ed immediata, alle imprese. (NewsNovara.it)

All’incontro hanno partecipato, da remoto, tecnici regionali, dell’Asur, dell’istituto zooprofilattico Umbria/Marche, polizia provinciale e carabinieri forestali. Un virus che non colpisce l’uomo, ma che sta ugualmente allarmando l’Europa per i danni economici arrecati al settore agroalimentare e zootecnico. (Cronache Picene)

In primo luogo ovviamente i cinghiali, che sui nostri Colli Euganei costituiscono una seria minaccia proprio per la loro massiccia diffusione. Un motivo in più per proseguire sull’azione di contenimento dei cinghiali in tutta la provincia, nell’area Parco Colli Euganei come nelle altre zone, a partire dalla Bassa Padovana fra Ospedaletto, Este e Granze (TgPadova)

Peste suina africana, Coldiretti Novara-Vco chiede alla Regione un tavolo permanente

2 Articoli rimanenti Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Sei già abbonato? Ma, come sempre, il virus corre più veloce della burocrazia. (La Provincia Pavese)

Peste suina, prevenzione fondamentale Coldiretti Como Lecco: bene task force Regione. Adesso serve subito un’azione sinergica su più fronti per tutelare e difendere gli allevamenti dalla grave minaccia della peste suina africana che rischia di causare un gravissimo danno economico alle imprese (Prima Como)

I casi accertati di Peste Suina Africana rappresentano un forte pericolo per il comparto suinicolo e stanno generando una fase estremamente delicata in cui è necessario dare le giuste comunicazioni, in maniera puntuale ed immediata, alle imprese". (Ossola24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr