Coronavirus, l'Iss avverte: "Per muoversi tra regioni serve numero di contagi più basso"

Today Today (Interno)

Per ripristinare la mobilità fra Regioni sarà necessario un numero di nuovi casi ridotto ancora di più rispetto a oggi.

Play Replay Play Replay Pausa Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio Indietro di 10 secondi Avanti di 10 secondi Spot Attiva schermo intero Disattiva schermo intero Skip Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Se ne è parlato anche su altri giornali

Published on May 22, 2020. "Il tema della mobilità fra Regioni è importane e l'obiettivo è affrontarla in sicurezza, probabilmente con numero di nuovi casi ridotto ancora di più rispetto a oggi", ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in conferenza stampa su Covid-19. (La Repubblica)

Lo ha detto il Presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa settimanale all’Iss sull’andamento dell’epidemia di Covid-19. “Non possiamo escludere un incremento. (L'HuffPost)

Ma ricordiamoci che il pericolo non e' ancora alle spalle, manteniamo alta l'attenzione e massima prudenza, anche nel periodo estivo". Alcune con pochissimi casi o zero, altre come la Lombardia ancora con un numero significativo", ha spiegato il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro. (Metro)

Venerdì 22 maggio 2020 - 12:58. Iss: la curva continua a scendere, casi in calo anche in Lombardia. Brusaferro: virus continua a circolare, ma misure hanno funzionato. Roma, 22 mag. “Non ci sono novità”, ha riferito, “sulla curva epidemica, che è in calo, e non si registrano variazioni significative”, ma “il virus continua a circolare nel Paese e quindi non possiamo permetterci di allentare le misure di attenzione e distanziamento”. (askanews)

Istituto Superiore Sanità: Virus circola ancora, attenzione ai comportamenti. Ci sono regioni con pochi casi e altre come la Lombardia con ancora un numero significativo. (LaPresse)

Rezza ha evidenziato che dalla fase 1 alla fase 2 importanti sono la responsabilità dei singoli e la responsabilità pubblica in grado di rilevare piccoli segnali d'allarme. Il dato emerge dal report settimanale del monitoraggio sulla fase 2, illustrato durante la conferenza stampa di oggi all'Istituto superiore di sanita. (Leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr