Trombosi dopo Astrazeneca, l'Ema amette: "C'è collegamento". Possibili limitazioni

Trombosi dopo Astrazeneca, l'Ema amette: C'è collegamento. Possibili limitazioni
Oggi Scuola INTERNO

Il vaccino Astrazeneca ancora nel mirino dopo i tanti casi di trombosi.

Cavalieri assicura però, che il rapporto rischi-benefici resta “sempre a favore del vaccino”.

Il responsabile vaccini dell’Ema, Marco Cavalieri, apre: “C’è un collegamento tra il siero e gli aventi avversi rarissimi accertati.

Possibili delle limitazioni al vaccino, limitato solo ad alcune fasce d’età e a determinate categorie

Trombosi dopo Astrazeneca, l’Ema amette: “C’è collegamento“. (Oggi Scuola)

Su altre testate

65enni, residenti a Tramonti, Maiori, Minori, Ravello, Scala, Atrani e Amalfi zona a sud dell’interruzione stradale) a contattare il Centro Operativo (COC) del proprio Comune di residenza per essere inseriti nell’apposito elenco di riservisti. (Positanonews)

Tra oggi e domani l’Ema, l’ente regolatorio sui farmaci in Europa, valuterà la sicurezza del vaccino anglo svedese. Ritiene probabile che l’Ema indichi, per precauzione, «una determinata categoria sulla quale è meglio non usare in vaccino di AstraZeneca». (The Wam)

In Francia il vaccino è somministrato solo a chi ha più di 55 anni, in Germania a chi ha più di 60 anni. La mancanza di test sugli anziani aveva spinto alcuni stati, fra cui l’Italia, a riservare il vaccino ai più giovani. (la Repubblica)

AstraZeneca, Roberta Villa: "Un'ulteriore restrizione può ingenerare maggiore confusione. Frequenza di reazioni gravi è minima"

Gli eventi rari di trombosi cerebrale sono effetti collaterali molto rari del vaccino di AstraZeneca. Astrazeneca, la decisione di Ema. L'EMA aveva precedentemente affermato che non vi era alcun aumento del rischio di coaguli di sangue nei soggetti vaccinati con il farmaco sviluppato dai ricercatori dell'Università di Oxford e di AstraZeneca. (Today.it)

“Certo – conclude Turi – è che Francia e Germania hanno vietato la somministrazione per donne sotto i 55 anni e il governo deve decidere di adeguarsi o dissociarsi sulla base delle evidenze scientifiche Gissi (Cisl): serve una voce sola. (Tecnica della Scuola)

La giornalista e divulgatrice scientifica Roberta Villa sul caso del vaccino AstraZeneca, nuovamente bloccato in molti paesi: "La frequenza di reazioni gravi è minima, in GB pochi casi sul oltre 20 milioni di somministrazioni" (La7)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr