Gas, le accuse a Putin: «Usa i prezzi dell'energia come arma, forniture ridotte di proposito»

Gas, le accuse a Putin: «Usa i prezzi dell'energia come arma, forniture ridotte di proposito»
Corriere della Sera ECONOMIA

La Russia sta usando il gas come arma politica per imporsi nelle dispute in corso con l’Europa, in particolare sull’Ucraina.

Inoltre, secondo Putin la Germania avrebbe rivenduto il gas russo alla Polonia e all’Ucraina piuttosto che venire in soccorso al proprio mercato.

Insomma, queste tensioni sull’Ucraina hanno ricadute dirette sulla fornitura di gas all’Europa, come ha sottolineato lo stesso Birol

Per il direttore esecutivo dell’organizzazione parigina che fornisce raccomandazioni politiche sull’energia accessibile e sostenibile, il peggioramento della crisi del gas naturale in Europa ha un solo mandante: la Russia. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altre testate

Guerra del gas, così Putin tenta lo scacco matto all'Europa. Ma rischia di scottarsi di Maurizio Ricci. (reuters). Mosca è accusata di aver tagliato le extra-forniture che solitamente riempiono gli stoccaggi del Vecchio continente. (La Repubblica)

E che i paesi Ue stanno entrando sempre più nel ruolo del manzoniano vaso di coccio tra vasi di ferro. Dopo aver notato che Gazprom, il monopolista di Stato russo, ha sensibilmente ridotto il flusso di gas ai paesi europei, l’agenzia afferma che ciò è dovuto alle «tensioni» intorno a Kiev. (Lo Speciale)

Ma ovviamente si tratta di misure che finirebbero per aggravare ulteriormente l’attuale crisi energetica che minaccia l’Europa. USA primo esportatore globale di gas naturale liquefatto. Della situazione stanno approfittando gli Stati Uniti che, grazie alla costruzione di nuovi terminali e dei prezzi da record in Europa, sono divenuti in poco tempo il primo esportatore mondiale di gas naturale liquefatto. (Money.it)

La dipendenza energetica che fa male all'Europa ma favorisce la Russia

Fatih Birol, l’economista turco che guida l’Iea oggi, dev’essersene ricordato questa settimana nell’accusare direttamente Mosca proprio mentre si stavano bloccando i negoziati sull’Ucraina. E l’Europa ricorda Pangloss del Candido di Voltaire, in un sistema internazionale che sembra il terremoto di Lisbona (Corriere della Sera)

Ha ripetuto le richieste dell’industria per il governo di rimuovere l’aliquota IVA del 5% dalle bollette energetiche, spostare le tasse verdi nella tassazione generale e rinviare le spese prese attraverso le bollette energetiche per coprire il costo di una serie di recenti crolli dei fornitori (Wall Street Italia)

L’assenza di una strategia credibile e di lungo termine sulla questione energetica non farà altro che accrescere il potere contrattuale di Paesi ricchi di combustibili fossili ma politicamente inaffidabili La dipendenza energetica rappresenta un grande problema per un continente sempre più affamato di energia e che sul futuro non ha assolutamente le idee chiare. (Libero Pensiero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr