Gelate nella notte: nella pianura veronese -3,1 gradi di minima

Gelate nella notte: nella pianura veronese -3,1 gradi di minima
Più informazioni:
L'Arena INTERNO

Secondo i dati di minima rilevati da Arpav nella notte, a Villafranca di Verona si sono registrati -3,1°, a Marano di Valpolicella 2,4°, a Bosco Chiesanuova -2,7.

Nelle zone montane il record è ad Arabba (Belluno) con -8.7 gradi, seguita da Castana nella Valle del Posina (Vicenza) con -5.8.

«Una situazione - sottolinea Coldiretti - drammatica per molte imprese agricole che hanno visto perdere in una giornata il lavoro di un intero anno»

Un calo così drastico delle temperature da mettere in serio pericolo le colture. (L'Arena)

Su altre testate

L'eccezionale ritorno ai climi invernali di questi giorni sta causando pesanti danni all' agricoltura veronese. Secondo i dati Arpav, il picco minimo era stato registrato nel Veronese a gennaio, quando si era scesi a -8 gradi. (L'Arena)

Un ricordo, dunque, il caldo della scorsa settimana e le temperature quasi estive. Clima asciutto al centro sud. Danni all'agricoltura. Intanto gli agricoltori fanno la conta dei danni dopo il gelo della scorsa notte (IL GIORNO)

Frutteti gelati. Il rischio era nell’aria da giorni: aria fredda, di origine scandinava, per la precisione. Mai dall’inizio del Novecento, in queste tre capoluoghi, si sono registrate temperature così negative nello stesso mese. (Corriere della Sera)

Meteo, "blitz temporalesco". Dopo il gelo, sempre peggio: dove incombono nubifragi e neve

08 aprile 2021 a. a. a. L’ondata di freddo che ha caratterizzato gli ultimi giorni non sarà un unicum. Stando alle previsioni de ilmeteo.it, stanno per tornare le piogge atlantiche: già questo weekend sarà caratterizzato dal maltempo, ma a partire da lunedì 12 aprile sono attese piogge battenti e forti temporali su diverse regioni. (Liberoquotidiano.it)

E proprio per i vignaioli sono ore di paura dopo le scottanti perdite dovute alle gelate dell’aprile 2017. L’agricoltura sarda, purtroppo, non è stata esente da questo fenomeno che l’ha interessata in prima persona con diversi eventi estremi, spesso anche nella stessa stagione: alluvioni, siccità, grandinate, gelate fuori stagione, temperature altissime, vento (Gallura Oggi)

Il gelo invernale ha ormai lasciato l’Italia, con temperature che prontamente risalgono verso valori più normali per il periodo. Il maltempo avrà modo di estendersi al Nord e a parte del Centro Italia, con precipitazioni accompagnate da un sostenuto flusso di correnti meridionali. (Meteo Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr