Dal catasto all'Imu, cosa prevede il ddl delega fiscale

Dal catasto all'Imu, cosa prevede il ddl delega fiscale
Più informazioni:
ilGiornale.it INTERNO

Il catasto. Di particolare rilievo l'articolo 6 della delega relativo al catasto, che è stato interamente riscritto.

Dopo un lungo braccio di ferro, arriva il sì da parte della Camera al Ddl delega fiscale.

Dalla riforma del catasto, vero Pomo della discordia, alla riduzione delle aliquote Irpef, passando all'introdurre il cashback fiscale, sono tanti i punti che compongono il programma.

Ma cosa si trova all'interno del Ddl delega per la revisione del sistema fiscale?

Sanzioni. (ilGiornale.it)

Ne parlano anche altre fonti

Si è concluso l’esame della delega fiscale in commissione Finanze alla Camera, iniziato sette mesi fa. La delega fiscale è in calendario lunedì in Aula alla Camera. (Il Sole 24 ORE)

Turbolente sono state le sedute sul catasto, con la spaccatura della maggioranza rientrata dopo un paio di mesi a fine maggio. (ilmessaggero.it)

La delega al Governo ad adottare decreti legislativi per la revisione del sistema fiscale. Un impianto complessivo che resta tuttavia sulla carta senza i decreti attuativi. La delega indica i principi e i criteri direttivi che dovranno essere utilizzati per l’integrazione delle informazioni presenti nel catasto dei fabbricati (da rendere disponibile a decorrere dal 1° gennaio 2026) (Il Sole 24 ORE)

Dal catasto ai dati per combattere l'evasione fiscale: via libera della Camera alla delega per riformare il Fisco

Ora, per il bene del Paese, occorre assolutamente riduzione delle tasse e meno burocrazia: un sistema fiscale più semplice sono lo strumento migliore per dare respiro alle nostre imprese, alle famiglie e per contrastare l’evasione”. (TargatoCn.it)

Il voto non c’è ancora stato, ma la maggioranza è coesa e non ci saranno sorprese dell’ultimo minuto sul testo. Una delega, continua il partito della Meloni, che rappresenta un’occasione mancata di dare all’Italia un nuovo sistema fiscale più efficace ed efficiente. (Panorama)

La forma definitiva della delega è stata presa con l'accordo politico e poi l'approvazione di metà mese in Commissione finanze, sempre alla Camera. Il cashback fiscale. Una volta sperimentato, ma poi interrotto, il cashback per incentivare i pagamenti elettronici, il M5s si è speso perché il tema rientrasse nella delega fiscale. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr