Lombardia, ancora senza vaccino anti Covid i migranti irregolari

Lombardia, ancora senza vaccino anti Covid i migranti irregolari
Fanpage ESTERI

Almeno per i migranti irregolari: le somministrazioni delle dosi ai senza fissa dimora sono iniziate lunedì 7 giugno in Lombardia che può contare anche sull'aiuto della associazioni.

Secondo le prime informazioni di Regione Lombardia spetta alle "varie Ats mappare sul loro territorio le associazioni che si prendono cura sia di migranti irregolari che di persone senza fissa dimora", come ha tenuto a precisare Usuelli. (Fanpage)

Su altri media

La campagna ha visto oltre 42 mila dosi inoculate nella giornata di martedì e diventano dunque oltre 86 mila quella utilizzate in questo inizio di settimana. In Veneto fino ad ora è stato utilizzato il 92,1% delle forniture per vaccinare con almeno una dose il 43,6% (2129164) della popolazione residente e il 20,5% (1002101) con il richiamo. (VeronaSera)

Le persone a bordo della barca in difficoltà ci dicono che sta entrando acqua e che sono in mare da più di un giorno. (LaPresse) – Ci sono “43 persone alla deriva al largo della Libia. (LaPresse)

Il medico avrebbe chiesto alla bambina come si chiamava, quanti anni avesse e se aveva paura delle iniezioni. Troppo pochi, secondo il padre, per bloccare il medico e prevenire un errore (Today.it)

Vaccini Covid in autostrada, apre l'hub davanti alla chiesa di Michelucci

Grazie ad Apoteca Natura siamo riusciti a partire subito con due farmacie comunali, grazie all’accordo concluso a livello regionale. Tutte le informazioni e i documenti utili sono sul sito delle farmacie comunali https://www. (FirenzeToday)

Resta invece invariato il limite dei 42 giorni come data massima di prenotazione della seconda dose vaccinale. L'appuntamento per la seconda dose, dunque, verrà scelto in base alla disponibilità del paziente e della sede vaccinale. (Fanpage.it)

I cittadini per accedere alla somministrazione potranno prenotarsi attraverso il portale della Regione Toscana mentre i dipendenti, i loro familiari e i fornitori del gruppo Aspi seguiranno una procedura di accreditamento interno all’azienda. (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr