Giornata mondiale alimentazione: Save the Children, "il Covid rischia di compromettere progressi fatti per salvare bambini più vulnerabili"

Giornata mondiale alimentazione: Save the Children, il Covid rischia di compromettere progressi fatti per salvare bambini più vulnerabili
Servizio Informazione Religiosa ESTERI

I programmi nutrizionali nelle scuole sono stati i più colpiti, con una riduzione complessiva del 60%”.

I primi studi mostrano, inoltre, che i bambini malnutriti rischiano di essere colpiti da forme più gravi di Covid-19”

Lo denuncia oggi Save the Children, in occasione della diffusione del suo nuovo rapporto sulla malnutrizione dei bambini e del lancio della nuova campagna di comunicazione e raccolta fondi “Emergenza fame”, in vista della Giornata mondiale dell’alimentazione. (Servizio Informazione Religiosa)

Su altri giornali

Nel mondo oltre 40 milioni di persone sono a livelli di insicurezza alimentare di “crisi” o di “emergenza”. Entro i prossimi mesi – denuncia l’Organizzazione – salirà ad oltre 200 milioni il numero di bambini che soffriranno di malnutrizione (insalutenews)

Nel mondo sono circa 5,7 milioni i bambini sotto i cinque anni di età che soffrono la fame, oltre il 50% in più rispetto al 2019. La campagna di Save the Children. . La campagna di Save the Children riguarda 13 Paesi particolarmente colpiti dall’emergenza fame: Nigeria, Burkina Faso, Mali, Niger, Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan, Somalia, Etiopia, Yemen, Siria, Afghanistan, Venezuela, India (Sky Tg24 )

E sono il 50 per cento in più rispetto al 2019. Condividi. Oltre 2 milioni di bambini muoiono dunque ogni anno anche a causa della malnutrizione, 1 ogni 15 secondi. E sono il 50 per cento in più rispetto al 2019. (Rai News)

Save the children: la campagna contro l'emergenza fame che colpisce 5,7 mln di bambini - Il Sole 24 ORE

La pandemia rischia di compromettere decenni di progressi fatti per proteggere e salvare i bambini più vulnerabili. Il rapporto “Save the children” stima che 710 milioni di minori vivano nei 45 Paesi a più alto rischio di subire l'impatto del cambiamento climatico. (La Stampa)

Covid-19, conflitti e cambiamenti climatici. Moltissimi orami, denunciano dall’organizzazione, gli «epicentri della fame» e il trend dell’insicurezza alimentare è in peggioramento in tutto il mondo. (Romasette.it)

Necessario uno sforzo straordinario e coordinato da parte della comunità internazionale e dei governi per proteggere un'intera generazione di bambini ed evitare che si facciano passi indietro irreversibili nella lotta alla fame e alla mortalità infantile (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr