Stefano Accorsi e lo spot sull'Emilia Romagna, polemica per il cachet: «100mila euro per tre anni»

Stefano Accorsi e lo spot sull'Emilia Romagna, polemica per il cachet: «100mila euro per tre anni»
leggo.it CULTURA E SPETTACOLO

Stefano Accorsi, lo spot. L'ultimo spot di 30 secondi recita così «L’Emilia-Romagna è una terra di piaceri proibiti.

È polemica in Emilia Romagna per lo spot promozionale con Stefano Accorsi.

Dici che vieni qua perché si mangia bene, poi di nascosto vai a gustarti le città d’arte.

Ma abbiamo una reputazione da difendere: quindi, per favore, non dire che vieni qua per l’arte e la cultura: i veri piaceri sono segreti

A sollevare il polverone in Regione è stato il cachet di 100mila euro da destinare all'attore per tre anni. (leggo.it)

La notizia riportata su altri giornali

300mila euro in 3 anni, più Iva, a Stefano Accorsi per promuovere l’immagine turistica dell’Emilia Romagna e scoppia la polemica. Poi a luglio 2021 dopo aver visto l’unico spot prodotto finora in due anni ho fatto un’interpellanza in aula a cui mi è stato risposto solo ora”. (Il Fatto Quotidiano)

Eppure in casa Fratelli d’Italia devono essere sparite le calcolatrici, vista la difficoltà di razionalizzare – algebricamente parlando – prima di sollevare l’ennesima sterile polemica. Questa volta nel mirino dei “patrioti” sono finiti Stefano Accorsi e la Regione Emilia-Romagna. (neXt Quotidiano)

Inoltre, l’esponente della Giunta Bonaccini ha assicurato che verranno inviati al collega di centrodestra i link a tutti i contenuti social pubblicati dall’attore da aprile 2020 ad aprile 2021. Ma abbiamo una reputazione da difendere: quindi, per favore, non dire che vieni qua per l’arte e la cultura: i veri piaceri sono segreti (ilGiornale.it)

Fratelli d'Italia attacca il compenso da 100mila euro per Accorsi

Si sta scatenando la bufera intorno al cachet di Stefano Accorsi per il suo ruolo di ambasciatore delle città d’arte e del cineturismo dell’Emilia-Romagna, un progetto di promozione dei territori e delle tradizioni avviato da viale Aldo Moro l’anno scorso. (Corriere della Sera)

L’attore infatti è stato fortemente criticato per l’altissimo cachet che avrebbe percepito per la realizzazione di uno spot pubblicitario per l’Emilia Romagna. L’attore infatti avrebbe percepito un cachet altissimo nella realizzazione di uno spot. (Vesuvius.it)

Per quanto riguarda il compenso nel 2020 Apt ha erogato 100mila euro più Iva ad Accorsi». Accorsi aveva pubblicizzato sui suoi canali anche Piacenza quale città d’arte e di cultura (IlPiacenza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr