In auto un italiano su tre senza cintura E metà dei bimbi non ha il seggiolino

In auto un italiano su tre senza cintura E metà dei bimbi non ha il seggiolino
Per saperne di più:
Quotidiano.net INTERNO

Scendendo nel dettaglio, si evince che le violazioni, nel complesso, sono commesse all’incirca nella stessa percentuale senza distinzione tra city car e berline (11,8% e 11,3%).

L’82% del campione ritiene le strade sicure o non evidenzia una rilevante percezione del pericolo rispetto a tutte le tipologie di strade analizzate

Aumentano tra chi è alla guida di un Suv (13,4%) o di un veicolo commerciale (14,6%). (Quotidiano.net)

Su altri media

L'obiettivo è stato quello di indagare le motivazioni percepite come sottostanti i propri comportamenti rischiosi e quelli posti in essere dagli altri utenti della strada. L'82% del campione ritiene le strade sicure o non evidenzia una rilevante percezione del pericolo rispetto a tutte le tipologie di strade analizzate (Rai News)

Ascolta la versione audio dell'articolo. Infine la promozione e diffusione di una cultura della sicurezza stradale, muovendo dal dato che oltre il 93% degli incidenti deriva dal comportamento del guidatore», prosegue l’Anas. (Il Sole 24 ORE)

Otto italiani su dieci ignorano l’uso delle cinture di sicurezza sui sedili posteriori. Ci sono poi altri comportamenti che presentano gravi rischi per l’incolumità di chi circola sulle strade italiane. (La Repubblica)

Un italiano su tre non usa la cintura di sicurezza: lo dice l’Anas

“Il ruolo dell’abitudine e dei vantaggi percepiti ci permettono di spiegare i comportamenti rischiosi emersi dalle osservazioni su strada In tutto sono state ricavate 60 ore di registrazione e sono state effettuate oltre 6 mila rilevazioni dirette. (Quattroruote)

Invece in relazione alla percezione di sicurezza della strada, le dichiarazioni degli intervistati variano a seconda della tipologia di strada. Infine la promozione e diffusione di una cultura della sicurezza stradale, muovendo dal dato che oltre il 93% degli incidenti deriva dal comportamento del guidatore. (L'Opinionista)

Presentata oggi nell’ambito del convegno “Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime”, in occasione della giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada. In questo modo, per l’Italia, diventa difficile raggiungere i vari target fissati in continuazione dall’UE: dimezzare i morti sulle strade (ClubAlfa.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr