Ecco che cosa rischiano i furbi del cashback: le due "sanzioni"

Ecco che cosa rischiano i furbi del cashback: le due sanzioni
ilGiornale.it ECONOMIA

A pagare maggiormente lo scotto della furbata sono stati in primis gli esercenti, per i quali ogni transazione digitale comporta un determinato costo.

Ciò significa che ogni operazione che non risulterà in linea coi limiti contenuti nelle linee guida del programma Cashback, verrà automaticamente stornata dal sistema.

In caso di esito positivo, le transazioni saranno nuovamente inserite nella lista di quelle valide per la classifica

L'idea iniziale, infatti, era stata quella di dare il benservito al cashback, anticipando la sua cancellazione rispetto all'auspicata data del dicembre 2021. (ilGiornale.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Furbetti del cashback: la mano dura dello Stato contro chi non sa essere leale. Da oggi in poi, i furbetti del cashback dovranno comprendere che per loro potrebbe esserci addirittura la cacciata dal programma e l’impossibilità di ritornarci. (ContoCorrenteOnline.it)

Attivati i controlli anti-furbetti del cashback, per evitare sotterfugi creativi destinati a scalare la classifica del superpremio semestrale da 1500 euro riservato ai primi 100 utenti che hanno effettuato maggiori transazioni elettroniche. (The Italian Times)

Il Governo ha deciso di introdurre un particolare metodo per contrastare i furbetti. (kronic)

Cashback, furbetti in picchiata: ecco cosa sta succedendo

Super Cashback: quante sono le transazioni necessarie? I partecipanti al Super Cashback vedono ormai il traguardo all'orizzonte, pronti a un ultimo scatto per lasciarsi alle spalle i concorrenti. (Punto Informatico)

LEGGI ANCHE > > > Super Cashback: avete ricevuto questo messaggio? Super Cashback: la nuova regola per ottenere il rimborso da 1500 euro. (ContoCorrenteOnline.it)

Anzi: si ritroveranno appena 150€, ovvero il rimborso minimo relativo al cashback basico con le 50 operazioni L’indicazione era arrivata da Laura Castelli lo scorso giovedì e i fatti, a pochi giorni di distanza, trovano subito conferme. (Consumatore.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr