Spazio, in due frammenti di roccia c'è (forse) il segreto della vita su Marte

Spazio, in due frammenti di roccia c'è (forse) il segreto della vita su Marte
Per saperne di più:
Il Giorno SCIENZA E TECNOLOGIA

Ci sono italiani anche fra i ricercatori che già si preparano a scoprire se Marte abbia o meno ospitato forme di vita.

Quindi sarà la volta della missione Earth Return Orbiter che, sempre nell'ambito del programma Mars Sample Return, catturerà la capsula con i campioni nell'orbita marziana per portarli sulla Terra

Bisogna aspettare ancora una decina di anni prima di provare a scoprire se Marte abbia o meno ospitato la vita. (Il Giorno)

La notizia riportata su altri giornali

Sono diverse le missioni attualmente operative sulla superficie marziana: ad andare in giro sul pianeta rosso, infatti, ci sono ancora i veterani Curiosity e InSight, oltre ai due rover quasi-gemelli inviati per ultimi, da Cina e Usa, ad esplorare Marte. (Libero Tecnologia)

ESPLORAZIONE Virgin Galactic, voli bloccati: in forse la missione a fine mese di. ISS Nasa, passeggiata spaziale rinviata per motivi di salute. «Sembra che le nostre prime rocce rivelino la presenza di un ambiente in grado di sostenere la vita», osserva il responsabile scientifico della missione, Ken Farley. (ilmattino.it)

Il rover, dopo essere giunto sulla cresta di “Citadelle”, in un punto ripido all’interno del cratere di Jezero aveva infatti selezionato una asperità idonea. Quindi, solo dopo l’esito positivo della prima fase di scalfittura, si è proceduto con il campionamento. (Tech Meteoweek.com)

Vita su Marte, due rocce raccolte da Perseverance mostrano segni di contatto con l'acqua

Marte, le rocce rivelano un ambiente sostenibile e potenzialmente vivibile. La roccia che ha rilevato ciò è di composizione basaltica e potrebbe essere il prodotto di colate laviche. (Infinity News)

È molto probabile che Perseverance non possa trivellare in South Séitah fino a qualche tempo dopo quel periodo Questa immagine, ripresa dalla Mastcam-Z il 1º settembre, mostra il primo campione di roccia marziana all’interno del tubo di campionamento. (AstronautiNEWS)

“Una cosa interessante di queste rocce è che mostrano segni di interazione sostenuta con le acque sotterranee”, ha detto la geologa della NASA Katie Stack Morgan in una conferenza stampa. La roccia che ha fornito i primi campioni è risultata essere di composizione basaltica e probabilmente il prodotto di colate laviche. (Tom's Hardware Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr