Fisco, la Lega dice no alla riforma del catasto

Fisco, la Lega dice no alla riforma del catasto
La Stampa INTERNO

Dai Parioli di Roma a Brera a Milano: sono migliaia le casse di lusso che il fisco considera “popolari”.

A Milano come a Roma sono migliaia le case di lusso per il mercato immobiliare che per il catasto continuano a essere sono “popolari” o, peggio, “ultrapopolari”.

Chiunque abbia provato ad approcciare il problema, anche all’insegna dell’invarianza di gettito, si è trovato di fronte un muro

A Genova il 20% degli immobili signorili di tutta Italia: sono 4.398 contro i 2.124 della Capitale. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri media

Il governo infatti, nella riforma fiscale, inserirà molto probabilmente un articolo che dà la delega al governo di preparare la riforma, per fissare poi i criteri. A fare la differenza potrebbe invece essere la fattura e tipologia edilizia, l'affaccio, l' «intorno», i servizi. (Il Messaggero)

Alla base della presa di posizione sta l’eventualità del passaggio del calcolo delle rendite in base ai metri quadrati, e non più ai vani, che “si tradurrebbe in un aumento del 30-40% delle stesse con pesanti ricadute su Imu, Irpef e tasse sui trasferimenti immobiliari, determinando, in pratica, un consistente aumento dell’imposizione fiscale”. (Immobiliare.it News)

E ovviamente il più colpito da una rivalutazione degli estimi catastali sarebbro i piccoli proprietari di immobili "residenziali" localizzati nelle grandi città E siccome in Italia la casa è "sacra" già si è assistito a una levata di scudi in Parlamento contro ogni ipotesi di riforma. (IL GIORNO)

Riforma del catasto in arrivo? Cosa potrebbe cambiare e perché si parla di tasse in aumento

Ordinari e speciali: ecco cosa cambia. Però, la verà novità potrebbe consistere nel passaggio dal "vano" al metro quadrato come unità di misura per la determinazione del valore patrimoniale. "Debutta" poi anche l'obbligo di fatturazione elettronica alle categorie esentate fino a questo momento, una nuova Irpef e l'addio all'Irap per ridurre il carico fiscale sulle imprese. (ilGiornale.it)

Negli ultimi giorni si è fatta strada la possibilità di una riforma del catasto che adegui il valore catastale a quello di mercato. Allineare il catasto ai “valori di mercato” è già una tosatura del ceto medio, forse presentato come “i ricchi”. (Il Sussidiario.net)

Riforma del catasto come parte della legge delega sulla riforma fiscale? Cosa potrebbe cambiare e perché si parla di tasse in aumento. Non è certo la prima volta che Governo e Parlamento si trovano a ragionare su una possibile riforma del catasto. (Informazione Fiscale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr