Malagò: "Tutti gli sport di squadra si sono fermati, tranne il calcio. Serve un piano B"

La Repubblica La Repubblica (Sport)

Per questo dico da tempo che serve un piano B, come ha fatto la Germania mettendo in sicurezza il sistema con un accordo con le televisioni.

In Italia abbiamo circa 15 sport di squadra, dalla pallamano al football americano, dalla pallacanestro al pattinaggio a rotelle, dal rugby al calcio.

Ne parlano anche altre fonti

Se si arriva a quella cifra ci saranno provvedimenti di carattere straordinario. iovanni Malagò è tornato a parlare della ripartenza della Serie A, sottolineando come nel dibattito delle ultime settimane tra i club abbia pesato molto la rispettiva posizione di classifica: "Penso che praticamente tutti i presidenti abbiano un condizionamento da posizione in classifica - ha detto il presidente del Coni a Radio Incontro Olympia - Non mi sento di dire che ci sono i buoni e i cattivi. (Sport Mediaset)

Attraverso un video pubblicato su Twitter, la Roma ha ricordato "l'esodo" dei tifosi giallorossi a Bari di 19.... Lorenzo Pellegrini si è prodigato molto in queste settimane per tenere unita la squadra e fare da tramite con la... (Voce Giallo Rossa)

Con lo stesso impegno con cui ogni giorno seguiamo il calcio e con la volontà di dare un'informazione a 360°. rosegue la nuova avventura di FirenzeViola.it su Instagram! (Firenze Viola)

Non mi stupisce perché chi fa politica di natura è portato ad evidenziare una singola posizione o una situazione. Ci sono delle situazioni che stanno evolvendo, prendiamo il lato positivo: c’è la volontà di investire nel nostro mondo”. (Viola News)

Di 15 sport di squadra in Italia, solo il calcio è rimasto vivo: gli altri si sono tutti fermati senza assegnare scudetto e retrocessioni. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha ribadito a Radio Incontro Olympia la propria posizione riguardo alla ripresa della Serie A (Fcinternews.it)

14 su 15 hanno fermato i campionati, 14 su 15 non hanno assegnato lo scudetto, 14 su 15 non hanno dato le retrocessioni. Si, tutti hanno in qualche modo un condizionamento da una posizione di classifica, non mi sento di dire che ci sono buoni e cattivi. (Fantacalcio.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr