Alitalia, è braccio di ferro con la Ue. Non ci sono i soldi per gli stipendi

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Ma non c’è accordo, anche se l’intenzione è di chiudere il dossier rapidamente altrimenti Alitalia dovrà mettere gli aerei a terra.

Il secondo punto è lo spezzatino, la Ue non vuole che Ita abbia le attività di manutenzione ed handling.

I servizi aeroportuali (handling) e la manutenzione, come già detto, secondo la Ue dovrebebro essere venduti a terzi

Ita vuole 47 aerei, 7.500 esuberi. È confermato il piano di Ita con soli 47 aerei passeggeri in partenza, meno di metà dell’attuale flotta di Alitalia (104 aerei). (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altri giornali

«Ci sentiamo traditi da questa politica prona agli interessi dei potentati europei», spiegano i manifestanti: «Le scelte della Comunità Europea son fatte per permettere solo a due o tre compagnie globali di esistere uccidendo così la compagnia di bandiera italiana» (Il Messaggero)

All’insegna di quella che Bruxelles chiama «discontinuità economica». Così, dopo aver cambiato lo storico nome, la compagnia dovrebbe anche adottare un nuovo marchio. (Corriere della Sera)

questo quanto accaduto mentre migliaia di lavoratori Alitalia stavano manifestando a piazza Venezia. Durante la mobilitazione odierna dei lavoratori di Alitalia, che si sono radunati a piazza Santi Apostoli per poi spostarsi ad occupare Piazza Venezia, un manifestante è stato platealmente spintonato e malmenato con calci e pugni dalle forze dell’ordine che tentavano di impedire l’accesso alla piazza da parte dei manifestanti. (L'AntiDiplomatico)

Alitalia-Ue, slitta il vertice. Il governo vuole tempo per convincere i sindacati (La Repubblica)

Alitalia: la rigidità dell’Ue a questo punto non è più spiegabile La rigidità con la quale l’Europa sta portando avanti le trattative per la nuova Alitalia, secondo il mio modesto parere, non ha ragione di esistere. (Travel Quotidiano)

Oggi Alitalia in si trova “in una situazione di grossa difficoltà finanziaria”, ha aggiunto Leogrande, imputando ciò all’aggravarsi della pandemia e dell’allungamento dei tempi sulla ristrutturazione. Tale situazione ha aggiunto Leogrande può sfociare “in ulteriori ristori o nella massa in sicurezza sotto un’imputazione di un sistema giuridico diverso” (askanews)

Su Alitalia i nodi sarebbero noti. Meno scontato invece l’esito della partita europea, soprattutto a fronte delle proteste dei sindacati, contrari a un ridimensionamento. Ne scrivono Lucio Cillis e Alberto D’Argenio su La Repubblica (SoldiOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr