No Green Pass, FdI: "Mario Draghi faccia qualcosa. In 10 anni il Pd non ha sciolto le organizzazioni eversive"

No Green Pass, FdI: Mario Draghi faccia qualcosa. In 10 anni il Pd non ha sciolto le organizzazioni eversive
Liberoquotidiano.it INTERNO

Ma, soprattutto, ha ricordato: Il governo può sciogliere le organizzazioni eversive.

Rinnovo la mia solidarietà alle forze dell'ordine e alla Cgil, noi siamo e restiamo il partito della legalità"

Il punto è che Francesco Lollobrigida, capogruppo alla Camera di FdI, intervenendo in aula ha duramente condannato gli avvenimenti.

11 ottobre 2021 a. a. a. Scacco matto da parte di Fratelli d'Italia.

E ancora, Lollobrigida ha aggiunto: "Perché il Pd che negli ultimi 10 anni ha governato non lo ha ancora fatto?

(Liberoquotidiano.it)

Ne parlano anche altre fonti

Leggi - I risultati in tempo reale. Ad Alcamo (Trapani) vince il candidato giallorosso sostenuto da due liste civiche e dall'M5S Domenico Surdi (oltre il 42 per cento). Leonardo Cantarella, a capo di una serie di liste civiche, ha vinto le elezioni amministrative a Giarre, nel Catanese. (La Repubblica)

Alle elezioni del 2012 Giunchedi cercò di formare una lista civica – con diversi elementi di sinistra e come aspirante vicesindaco proprio l’indipendente Francesco Tassinari – con candidato a sindaco Paola Boattini, che nelle urne fu battuta da Gabriele Zelli, sindaco fino al 2017. (il Resto del Carlino)

Aspiriamo ad una sanità sempre più attuale che sappia guardare alle sfide future che ci saranno, rispetto al cambiamento tecnologico ma anche all’assetto demografico che vedrà l’aumento dell’aspettativa di vita. (Rieti Life)

Dall'uno vale uno al tutti contro tutti: così il Movimento 5 Stelle a Torino rischia di non contare più nulla

Ed è lo stesso ad Alcamo, da anni la città più grillina d’Italia, dove l’uscente M5S Domenico Surdi, sfidato anche dal Pd, va verso la riconferma al primo turno. Il Pd conquista al primo turno Carbonia con Pietro Morittu, candidato scaricato da tutti gli altri partiti di centrosinistra e M5S. (Corriere della Sera)

Riguardano gli snodi di quel “Patto per Conegliano” sul quale dovrebbe fondarsi la svolta della prossima consiliatura. Prima del voto, però, un’eventuale accordo richiederebbe una chiara presa di posizione pubblica (e un appello al voto) da parte del Pd, che per ora, ancora, non c’è (La Tribuna di Treviso)

Come potranno PD e 5 Stelle aprire un dialogo - come auspicato da Giuseppe Conte ed Enrico Letta - se chi guida i grillini torinesi ha equiparato centrodestra e centrosinistra? Il peso in Sala Rossa della compagine grillina passerà dai 24 consiglieri del 2016 a 2 - nel caso vincesse Paolo Damilano - o 3 - nel caso vincesse Stefano Lo Russo. (TorinoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr