ll governo di Emmanuel Macron impone un limite agli aumenti della bolletta di luce e gas

Il Fatto Quotidiano ECONOMIA

Come in tutta Europa aziende e famiglie francesi sono alle prese con i forti rincari delle bollette di luce e gas.

Una misura simile è stata già adottata in Spagna e l’ipotesi circola anche a palazzo Chigi

La misura di contenimento dei prezzi è stata annunciata dal ministro delle finanze Bruno Le Maire in un’intervista a Le Parisien pubblicata giovedì.

L’Eliseo ha quindi visto il valore della sua partecipazione (83%) ridursi di circa 2 miliardi di euro in poche ore. (Il Fatto Quotidiano)

Su altri media

EDF, quotata su Euronext Paris e a controllo statale, comunicherà aggiornamenti in occasione dei suoi risultati annuali (il 18 febbraio) e nel frattempo ritira la sua guidance sull'indebitamento finanziario netto/EBITDA del 2022 L'aumento tariffario di febbraio 2022 sarà limitato al 4% tramite il rinvio di una quota dell'aumento tariffario 2022 al 1° febbraio 2023. (ilmessaggero.it)

Il titolo, venerdì mattina, ha lasciato sul terreno il 25% del valore di Borsa, a 7,88 euro. In una nota si legge: «Le conseguenze finanziarie di Edf non possono essere determinate con precisione in questa fase. (Corriere della Sera)

EDF ha comunicato un potenziale impatto di circa 8,4 miliardi di euro ai prezzi di fine 2021 oppure di 7,7 miliardi ai prezzi di gennaio 2022. A Piazza Affari Enel è arrivata a cedere quasi il 3% in area 6,752 euro complice il violento calo a Parigi di EDF (-21% circa a 8,20 euro). (Finanzaonline.com)

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. (Borsa Italiana)

Discorso diverso per le renewables incentivate (conto energia) che ricevono un significativo incentivo oltre al prezzo dell`energia concludono da Equita Sim Caro bollette, Lega in pressing per tassare le società energetiche. (Finanzaonline.com)

In seguito all'annuncio, Edf ha anche ritirato il proprio target sul rapporto tra i ndebitamento finanziario netto ed Ebitda. La vera brutta notizia, sottolineano gli esperti, è invece il taglio della produzione nucleare per il 2022 di 30 terawattora a 300-330 a causa dello stop di cinque reattori, che secondo Ubs avrà un effetto negativo misurabile in 2,2 euro per azione. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr