I femminicidi in Italia nel 2021

I femminicidi in Italia nel 2021
La Stampa INTERNO

Ogni punto corrisponde a un femminicidio e raccoglie una breve scheda

L’ha uccisa in un parco il suo ex fidanzato, già arrestato e condannato per stalking.

La mappa: un database per non dimenticare. Il luogo, il nome della vittima, l'età.

La mappa e l’elenco che seguono sono un grido di dolore che arriva da un’Italia che conta quest’anno oltre cento donne uccise.

Sono nomi e storie, vite spezzate. (La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

Dagli anni ’80 ad oggi, la giustizia è andata avanti nella difesa delle donne vittime di violenza. Di fronte a chi trema all’idea di denunciare per non dover affrontare l’onta di fronte ad un sistema che è bravo solo a giudicare, rendendo le donne doppiamente vittime, c’è bisogno di persone preparate (Today)

Angela Dargenio 07/05/2021. Angela Dargenio, 48 anni, è stata uccisa il 7 maggio 2021 a Torino. Rita Amenze 10/09/2021. Una donna è stata uccisa stamane a colpi d'arma da fuoco a Noventa Vicentina, provincia di Vicenza. (Gazzetta del Sud)

A dirlo è Valeria Valente, senatrice del Partito democratico che presiede la Commissione di inchiesta sul femminicidio e la violenza di genere. Credere alle donne, dobbiamo creare un clima in cui alle donne che denunciano si crede, punto e basta (Open)

«Violenza contro le donne, basta. C'è un test per predire i rischi», la videointervista del Mattino

Nell’ultima settimana, infatti, abbiamo detto addio a quattro donne e a tre bambini, a causa di partner o ex partner. Donne uccise in quanto donne, donne percepite come una “proprietà”. (Corriere della Sera)

I dati sui femminicidi, in Italia, restituiscono la fotografia di un Paese in cui le donne non sono ancora sufficientemente tutelate dall’ordinamento. Buona parte del rapporto sulle donne uccise in italia per «motivi di genere» si concentra sulle criticità nell’operato della polizia giudiziaria. (Open)

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati Tante, troppe volte hanno un volto familiare. (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr