Comunali, approvato anche alla Camera il rinvio delle elezioni: si voterà in autunno

Comunali, approvato anche alla Camera il rinvio delle elezioni: si voterà in autunno
la Repubblica INTERNO

Le elezioni amministrative si terranno in autunno.

Una scelta dettata dall'emergenza Covid, poiché la pandemia non avrebbe permesso un normale svolgimento delle elezioni tra il 15 aprile e il 15 giugno, come inizialmente previsto.

Ad andare al voto in autunno saranno in totale 1312 Comuni, di cui 20 capoluoghi di provincia e sei capoluogo di regione: Bologna, Milano, Roma, Napoli, Torino e Trieste (la Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Norme scritte anche per limitare i contagi figli di spostamenti di massa verso le urne (la Repubblica)

28 aprile 2021 a. a. a. Roma, 28 apr. Anche perché - conclude Giorgis - non voglio neanche ipotizzare che all'origine di questo ostruzionismo, vi siano ragioni politiche estranee al merito del provvedimento” (LiberoQuotidiano.it)

Dopo la presentazione è stata sottoscritta firmata da Vittoria Baldino e Lucia Azzolina del Movimento 5 stelle, Francesco Forciniti di L’Alternativa c’è e Riccardo Magi di +Europa. Ieri in commissione Affari costituzionali della Camera è iniziata la discussione sul disegno di legge - primo firmatario Giuseppe Brescia (M5S) - finalizzato a concedere la possibilità di votare, già a partire da Regionali e Amministrative del prossimo autunno, nel luogo eletto a domicilio. (Gazzetta del Sud - Edizione Calabria)

Dl elezioni 2021, ok della Camera a fiducia

Voto a distanza ma non online, ovvero si procede con lo stesso meccanismo di sempre e la croce sul simbolo del partito o del candidato che si vuole sostenere. Ovviamente, come accade per coloro che si trovano all’estero, dovranno comunicare, qualche settimana prima delle elezioni, la volontà di esprimere il proprio voto nel comune dove studiano o lavorano. (ilmessaggero.it)

L’aula della Camera ha approvato in via definitiva il decreto elezioni che rinvia all’autunno le elezioni amministrative o suppletive. Contestualmente il decreto dispone che le consultazioni si svolgano nelle giornate di domenica e lunedì e riduce a un terzo il numero delle sottoscrizioni per la presentazione delle liste alle elezioni comunali e circoscrizionali. (Imola Oggi)

Si tratta del primo voto di fiducia per il governo Draghi. I voti a favore sono stati 458, 52 i contrari. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr