Trovato morto ex carabiniere: ucciso da colpi d'arma da fuoco | Telerama News

Trovato morto ex carabiniere: ucciso da colpi d'arma da fuoco | Telerama News
TeleRama News INTERNO

Gli spari sono stati uditi dai familiari che sono accorsi fuori e lo hanno trovato già privo di vita.

– Il corpo senza vita del 46enne ex maresciallo dei Carabinieri è stato trovato sulla strada per San Pietro in Lama, in contrada Tarantino a Copertino: al momento si sa che ad ucciderlo sono stati dei colpi d’arma da fuoco.

Si cerca un uomo che sarebbe spuntato dall’ombra, a volto coperto, sorprendendo e colpendo la vittima per poi darsi alla fuga

Sul posto, per le indagini, i colleghi della vittima, i militari della Tendenza di Copertino e quelli del Ros. (TeleRama News)

Su altre fonti

La vittima si chiamava Silvano Nestola ed è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco che non gli hanno lasciato scampo. (Lecce) – Un maresciallo dei carabinieri in pensione è stato ucciso, nella tarda serata di oggi, a Copertino, nei pressi di contrada Tarantino, sulla strada che conduce verso San Pietro in Lama (Corriere Salentino)

APPROFONDIMENTI IL DELITTO Copertino: l'assassinio del maresciallo dei carabinieri VIDEO Omicidio a Copertino, ucciso un carabiniere - VIDEO. Caccia all'assassino. Si cerca un individuo: unico indizio al momento, avrebbe agito incappucciato. (Il Messaggero)

Da una prima ricostruzione, l’uomo e i suoi familiari avrebbero percepito dei rumori, degli spari all’esterno. Omicidio in strada a Copertino: un maresciallo dei carabinieri è stato freddato a colpi di armi da fuoco (probabilmente con l'utilizzo di un fucile più che di una pistola). (LecceSette)

Ex carabiniere ucciso a Copertino: ascoltata la famiglia, legami con vittima

Le indagini sono affidate ai carabinieri. Sul posto anche i vigili del fuoco e due ambulanze del 118 (Antenna Sud)

E’ stato raggiunto da almeno sette colpi di pistola. A quel punto avrebbe detto al bambino di rientrare in casa mentre lui ha proseguito verso l'auto incontrando il suo assassino. (La Gazzetta di Mantova)

arebbero stati ascoltati come persone informate sui fatti i quattro componenti della famiglia di San Donaci condotti in caserma a Lecce questa mattina per riferire su circostanze utili alle indagini relative all’omicidio dell’ex carabiniere Silvano Nestola. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr