Emergenza gas: la Germania riapre centrali a carbone

Emergenza gas: la Germania riapre centrali a carbone
Salernonotizie.it ESTERI

Il problema della Germania è che non ne dispone a differenza dell’Italia che ne ha due ma con una bassa produzione.

Un’altra misura che ha intenzione di prendere il governo tedesco è quello di incentivare ad utilizzare meno gas possibile.

La situazione della Germania si prospetta nera per il prossimo autunno e inverno se il blocco di Mosca non si arresta immediatamente

In questi giorni, il governo tedesco sta valutando di approvare misure d’emergenza in vista di ulteriori tagli da parte di Mosca. (Salernonotizie.it)

Ne parlano anche altre testate

Una sintesi brutale ma efficace dei rischi che presto potrebbe affrontare la più grande economia dell'Unione Europea a causa del taglio delle forniture di metano da parte del monopolista russo Gazprom e del conseguente aumento dei prezzi a cui devono acquistarlo le società energetiche del Paese l'ha fatta il ministro del Clima, Robert Habeck: "Se queste perdite che stiamo registrando diventano tanto elevate da non poterle più sopportare, l'intero mercato rischia, a un certo punto, di (L'HuffPost)

Fino ad aprile il Governo ha escluso di aprire le porte al fracking Lo afferma il ministro dell'economia tedesco Robert Habeck al Der Spiegel. (L'HuffPost)

Il governo ha preso accordi per l'acquisto di gas da fonti non russe e sta accelerando la costruzione di un terminale di gas naturale liquefatto nel Mare del Nord, vicino a Wilhelmshaven (Italia Oggi)

Razionamenti soft del gas e corsa alla lignite: ora Berlino teme "la Lehman Brothers dell'energia" (di C. Paudice)

Germania: mantiene target uscita carbone in 2030 nonostante aumento per crisi gas. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 20 giu - La Germania, che ieri ha annunciato un probabile aumento dell'uso del carbone per compensare il calo delle forniture di gas russo, mantiene l'obiettivo di abbandonare questa energia inquinante nel 2030. (Il Sole 24 ORE)

- BERLINO, 23 GIU - La Germania attiva l'allarme nel piano di emergenza sul gas. "Al momento l'approvvigionamento del gas è garantito", ha anche assicurato il ministero. (Gazzetta di Parma)

Nell’ambito della fase due del suo piano, intanto, Berlino fornirà una linea di credito da 15 miliardi di euro per riempire gli stoccaggi di gas. “Non dobbiamo illuderci: il taglio delle forniture di gas è un attacco economico nei nostri confronti da parte di Putin”, ha dichiarato Habeck, aggiungendo che i tedeschi potrebbero dover ridurre i consumi. (Qualenergia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr