Palermo, custodivano le armi per rapinatori: sette arresti

LaPresse INTERNO

Oltre alle armi, un fucile semiautomatico Beretta e quattro pistole, i carabinieri hanno scoperto nella porcilaia della casa una piantagione di marijuana coltivata grazie a speciali lampade collegate abusivamente alla rete elettrica

Scoperta anche piantagione di marijuana. Custodivano un arsenale nella casa di campagna in cui vivevano nel quartiere Borgonuovo a Palermo.

In manette anche marito, moglie e due figli. (LaPresse)

Ne parlano anche altri media

«Un boss giovane, ha appena 44 anni con una mentalità direi molto moderna - spiega Carrozzo -. Scopri di più nell’ edizione digitale. Dal Giornale di Sicilia in edicola È il colonnello Mauro Carrozzo, comandante del reparto operativo del Comando provinciale, a tracciare l'identikit di Giuseppe Calvaruso, ritenuto capo del mandamento mafioso di Pagliarelli. (Giornale di Sicilia)

Da tempo si era stabilito in Brasile, dove gestiva attività finanziarie legate a Cosa Nostra. Attraverso una rete di prestanome […] (Il Fatto Quotidiano)

Emerge dall’inchiesta della dda di Palermo che oggi ha portato al fermo di boss e gregari della famiglia mafiosa di Pagliarelli. Per i carabinieri, Calvaruso sarebbe diventato il reggente del “mandamento” mafioso di Pagliarelli dopo l’arresto del boss Settimo Mineo, finito in cella due anni fa. (ZMedia)

“L’operazione antimafia Brevis, condotta dal comando provinciale dei Carabinieri di Palermo, grazie alla quale è stato colpito il mandamento mafioso di Pagliarelli, conferma l’impegno senza sosta delle forze dell’ordine e della magistratura nel contrasto a Cosa Nostra e a tutti i tentativi di riorganizzazione criminale, attraverso un perverso rapporto tra controllo del territorio e collegamenti delinquenziali internazionali”. (Live Sicilia)

Cosa Nostra è indebolita come non mai, eppure resiste grazie a una mentalità che seppure non sorprende lascia ugualmente sgomenti. Nel giorno di Pasqua i carabinieri hanno arrestato Giuseppe Calvaruso, mafioso nel passato (come dimostrano le sentenze definitive) e nel presente. (Live Sicilia)

Perché quando fa il colloquio glieli devo dare almeno mille euro? Sono amici di vecchia data, da quando sono finiti nei guai insieme per avere protetto la latitanza di Giovanni Motisi. (Live Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr