Droga, estorsioni e truffe all'Inps: 40 arresti a Catania

Droga, estorsioni e truffe all'Inps: 40 arresti a Catania
Antimafia Duemila INTERNO

Attraverso una rete di ditte compiacenti, consulenti del lavoro disponibili e soggetti che si prestavano a fungere da falsi 'braccianti agricoli', l'organizzazione predisponeva tutta la documentazione necessaria ed inoltrava all'Inps le domande per l'indennità.

Ulteriori particolari saranno resi noti durante una conferma x stampa che si terrà alle ore 10 nella sala stampa del comando provinciale dei militari dell'Arma di Catania

Nel corso delle indagini è stato infine documentato un ulteriore canale di finanziamento delle casse del clan, ovvero, l'indebita percezione dell'indennità di disoccupazione agricola. (Antimafia Duemila)

Ne parlano anche altre testate

Condorelli denuncia il tentativo di estorsione ai carabinieri, che stanno già indagando e che intercettano una telefonata tra due affiliati Barbaro Stimoli e Daniele Licciardello. Nel 2019 gli affiliati del gruppo malavitoso legato al clan Santapaola-Ercolano recapitano un pacco con un biglietto con la scritta 'cercati un amicò e una bottiglia incendiaria. (Giornale di Sicilia)

Ecco le foto degli arrestati nell'ambito del blitz antimafia Sotto scacco portato a termine dai carabinieri di Catania nelle province etnea, di Siracusa, Cosenza e Bologna dove hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale catanese etneo nei confronti di 40 persone indagate, a vario titolo, per associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di falsi e truffe ai danni dell’Inps. (La Sicilia)

I militari dell’Arma hanno filmato il boss ergastolano Alleruzzo, in permesso premio, mentre partecipa a un summit. Ecco il filmato dell’operazione Sotto Scacco, eseguita dai carabinieri. (Livesicilia.it)

Droga, truffe all'Inps e favori degli imprenditori al clan: 40 arresti

Disarticolate dai carabinieri di Catania due organizzazioni criminali locali legate alla famiglia catanese di Cosa nostra di Santapaola-Ercolano. Le indagini hanno consentito di ricostruire gli organigrammi dei gruppi mafiosi Assinnata, Alleruzzo e Amantea localizzati nella provincia etnea, in particolare nei comuni di Paterno’ e Belpasso. (Grandangolo Agrigento)

“Santo Alleruzzo era arrabbiato con l’avvocato Trantino perchè gli avevano confermato l’ergastolo”. Fortunatamente il piano, che sarebbe stato nella testa del boss secondo le esternazioni del pentito, non è mai stato concretizzato (Livesicilia.it)

L’operazione eseguita stamani dai carabinieri di Catania ha fatto emergere una situazione di grave inquinamento mafioso del tessuto economico locale, come dimostra l’individuazione di diversi imprenditori che consapevolmente favorivano le illecite attività del clan. (CataniaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr