Sospeso il processo Salvini-Rackete: “Atti al Senato per valutare insindacabilità delle frasi”

Sospeso il processo Salvini-Rackete: “Atti al Senato per valutare insindacabilità delle frasi”
La Stampa INTERNO

È stato sospeso il processo milanese al leader della Lega Matteo Salvini accusato di diffamazione aggravata nei confronti di Carola Rackete, l'ex comandante della Sea Watch 3.

La legale di Salvini aveva chiesto il proscioglimento immediato dall’accusa sollevando una «causa di non punibilità», dovuta alla «insindacabilità» di quelle dichiarazioni ritenute un «messaggio politico» espresso nel «pieno esercizio» delle sue funzioni di senatore

Saranno quindi i colleghi di Salvini a Palazzo Madama a valutare l’entità dell'espressione «sbruffoncella di questa comandante», «criminale tedesca», «ricca» e «viziata comunista». (La Stampa)

Ne parlano anche altre fonti

Anche l’inchiesta sullo speronamento della motovedetta della Guardia di Finanza è stata chiusa qualche tempo fa. Oggetto della disputa giudiziaria sono le dichiarazioni rese via social riguardo l’ex comandante della Sea Watch 3 dal leader del Carroccio tra il giugno e il luglio 2019: il tribunale ha trasmesso gli atti al Senato affinché valuti se quanto affermato sia o meno coperto dall’insindacabilità legata al ruolo di senatore di Salvini. (Open)

Sospeso il processo che si celebra al tribunale di Milano e che vede imputato il segretario della Lega Matteo Salvini per “diffamazione aggravata” nei confronti Carola Rackete. (L'Unione Sarda.it)

Atto per il quale Rackete era stata arrestata e poi scagionata. Milano, 23 giu. (LAPRESSE)

Milano, diffamazione nei confronti di Carola Rackete: sospeso il processo a Salvini

Il "linguaggio della Lega e dei nuovi partiti come i Cinque Stelle", per l'avvocato Eccher, "è caratterizzato da un cambio di paradigma linguistico, da un eloquio chiaro e diretto" Dunque il processo si ferma in attesa che il Senato si pronunci. (AgrigentoNotizie)

Per il legale di Salvini, l'avvocato Claudia Eccher, quelle parole, invece, rientravano in un "messaggio politico" espresso nel "pieno esercizio" delle sue funzioni di senatore (Fanpage.it)

Per il legale di Salvini, invece, quelle parole rientravano in un "messaggio politico" espresso nel "pieno esercizio" delle sue funzioni di senatore. L'avvocato di Rackete: “Nulla a che vedere col ruolo di senatore” approfondimento Migranti, archiviata inchiesta su Rackete. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr