M5S, chi sono i 62 parlamentati andati con Di Maio. Lega primo partito: i nuovi equilibri in Parlamento

M5S, chi sono i 62 parlamentati andati con Di Maio. Lega primo partito: i nuovi equilibri in Parlamento
Più informazioni:
Corriere della Sera INTERNO

Di Maio, dopo una trattativa di adesioni accelerata dal cruento scontro con Conte , strappa al suo ex partito 62 parlamentari, che daranno vita a «Insieme per il futuro».

Anche perché sulla truppa M5S c’è sempre lo spettro della tagliola dei due mandati.

Per poi aggiungere: «Non ha alcun diritto di governare con tutti per portare a casa comode poltrone

L’implosione dei Cinque stelle, oggi dimezzati rispetto ai 333 seggi conquistati con il boom del 2018, rivoluziona i rapporti di forza in Parlamento. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri giornali

Stando a diverse fonti interne, l'annuncio di un suo passaggio a Ipf potrebbe arrivare già nella giornata di domani. Continua la scissione M5S e continuano a rimbalzare anche i rumors su nuovi addii in casa 5 Stelle, dopo lo tsunami provocato dall'uscita di Luigi Di Maio insieme a una sessantina di fedelissimi per fondare un nuovo gruppo, 'Insieme per il Futuro'. (Adnkronos)

Neanche Conte poteva, con una risoluzione parlamentare, sospendere unilateralmente l’aiuto militare all’Ucraina aggredita. Ha finito con il perdere una sessantina dei suoi parlamentari, senza peraltro ottenere nessun cambio di linea in politica estera. (Corriere della Sera)

Non lo sono affatto, e siamo pur sempre di fronte a un meccanismo patologico che nessuno finora è riuscito a impedire. La scissione del Movimento potrebbe innescare altri movimenti e portare acqua al mulino del record dei record (Il Fatto Quotidiano)

Scissione 5 Stelle, Conte riabbraccia 'figliol prodigo' Fenu

Rompe col populismo e col sovranismo e, in aperto contrasto con Conte, elogia Draghi. Dal “vaffa” in piazza all’ingresso a Palazzo Chigi: una parabola piena di contraddizioni che le forti diversità sulla guerra hanno fatto esplodere (Start Magazine)

A difendere la posizione ‘con il Movimento 5 Stelle senza se e senza ma’ (e quindi non con Luigi Di Maio), sono i senatori e referenti regionali Gabriele Lanzi e Marco Croatti. Semmai ci sono attivisti e militanti del Movimento 5 stelle contenti che ci sia stato questo chiarimento", spiega Lanzi. (il Resto del Carlino)

Giuseppe Conte riunisce i fedelissimi, per fare il punto dopo la 'sanguinosa' scissione messa in atto da Luigi Di Maio che in un giorno solo si è portato via oltre sessanta parlamentari. Mercoledì, sede del Movimento 5 Stelle di Via Campo Marzio. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr