Contrabbanda Squid Game in Corea del Nord: studente condannato a morte

Contrabbanda Squid Game in Corea del Nord: studente condannato a morte
Approfondimenti:
L'Arena ESTERI

Lo riferisce Variety citando Radio Free Asia, che ha base negli Usa.

È stato scoperto dopo che le autorità hanno sorpreso alcuni studenti a guardare Squid game.

Si tratta di uno studente che ha portato la serie trasmessa da Netflix dalla Cina dopo averla caricata su una chiavetta USB.

Il provvedimento ha principalmente lo scopo di impedire la diffusione di contenuti prodotti dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti

Condannato a morte per aver contrabbandato Squid Game, la serie sudcoreana di successo planetario, in Corea del Nord. (L'Arena)

Ne parlano anche altri giornali

advertisement. Il 5 dicembre sarà la volta di Fabrizio Fontana. Lo spettacolo sarà replicato a Ottana e a Nuoro (il 27.11), a Ghilarza (il 29.11) e ad Orani (il 01.12). (Sardegna Reporter)

La legge prevede fino alla pena di morte per chi guarda, archivia o distribuisce media provenienti dai paesi capitalisti, in particolare dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti Altri sette studenti sono stati arrestati dopo essere stati sorpresi a guardare in classe la serie distopica in lingua coreana, divenuta un fenomeno mondiale. (Today)

Nella provincia di Hamgyong scoppia il putiferio: il giovane che avrebbe portato la chiavetta di rientro dalla Cina - dove Squid game non è visibile, ma dove girano molte copie pirata - viene condannato a morte, il suo compagno all’ergastolo. (Giornale di Sicilia)

Torna in Corea con le puntate di “Squid Game” in una usb: giovane condannato a morte

«È cominciato tutto la scorsa settimana», ha detto a Radio Free Asia una fonte vicina alle forze dell’ordine della provincia di Nord Hamgyong, «quando uno studente ha comprato una di queste chiavette Usb e ha poi guardato la serie a scuola, in classe, assieme ai suoi amici». (Rivista Studio)

All’interno della collezione troviamo anche una t-shirt bianca a maniche corte con l’immagine del labirinto inquietante e colorato della struttura e il nome della serie sul retro. È una capsule collection molto minimal e grafica, che strizza un occhio allo streetwear ed è all’insegna della comodità (DireDonna)

La legge, promulgata l'anno scorso, prevede la morte come pena massima per la visione, la conservazione o la distribuzione di media provenienti da paesi capitalisti, in particolare dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti la sua patria, la Corea, lo condanna a morte. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr