Prete arrestato, oltre centomila euro della parrocchia usati per la droga

Prete arrestato, oltre centomila euro della parrocchia usati per la droga
Altri dettagli:
LA NAZIONE SALUTE

Chi è il prete arrestato per droga. Le sostanze venivano consumate insieme ad altre persone che il sacerdote e Regina invitavano, contattandole su chat e social specifici, a incontri a luci rosse.

Come ha spiegato il vescovo di Prato, al religioso fu tolta la firma dai conti della parrocchia lo scorso aprile

Cos'è la droga dello stupro. Soldi della parrocchia che il sacerdote, difeso dagli avvocati Federico Febbo e Costanza Malerba, avrebbe prelevato dai conti della parrocchia stessa. (LA NAZIONE)

Se ne è parlato anche su altre testate

I NOMI DEGLI ARRESTATI NELL’OPERAZIONE ANTI DROGA. CARCERE. Pietrofesa Aniello alias “Ciro – Sereno” n. Salerno 23.05.1994;. Pietrofesa Giorgio alias “Militare Grande” n. Salerno 31.01.1990;. Grimaldi Carmine alias “Chicco” n. (Internapoli)

Mezzi di comunicazione rapidi per una platea di compratori fra i 18 ed i 30 anni, un traffico veloce fatto di dosi preparate e pronte al consumo immediato dei più giovani. (ondanews)

Pordenone, 16 set. (LaPresse)

«Sono stato derubato». Ma quando arrivano gli agenti viene arrestato per droga

Tale eventualità ha spinto i Carabinieri ad effettuare un’approfondita perquisizione che ha dato esito positivo: sono stati ritrovati difatti 206 grammi di hashish, oltre 1000 euro in contanti e materiale vario per taglio e confezionamento. (Salernonotizie.it)

Sono numerose le ordinanze di custodia cautelare i carcere ed gli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Porta a Porta”. Mezzi di comunicazione rapidi per una platea di compratori perlopiù fra i 18 ed i 30 anni, un traffico veloce fatto di dosi preparate e pronte al consumo immediato dei più giovani. (L'Occhio di Salerno)

L'intervento degli agenti poco dopo le 20, quando è arrivata la segnalazione di una lite. Per lui è scattato dunque l'arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e porto abusivo di oggetti atti a offendere (Il Giornale di Vicenza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr