Marte: le rocce rivelano un ambiente sostenuto e possibilmente vivibile

Infinity News SCIENZA E TECNOLOGIA

Questa acqua sotterranea potrebbe essere collegata al lago o potrebbe aver viaggiato attraverso le rocce molto tempo dopo che il lago si era prosciugato

I primi campioni di rocce del Rover Perseverance rivelano un ambiente sostenibile e potenzialmente abitabile.

La roccia che ha rilevato ciò è di composizione basaltica e potrebbe essere il prodotto di colate laviche.

Marte, le rocce rivelano un ambiente sostenibile e potenzialmente vivibile. (Infinity News)

Ne parlano anche altre testate

Scienziati da ogni parte del mondo studiano con attenzione i dati raccolti sul Pianeta Rosso per scoprire se c’è vita o ci sia mai stata alcuna forma di vita sul territorio marziano. (Centro Meteo italiano)

Il rover, dopo essere giunto sulla cresta di “Citadelle”, in un punto ripido all’interno del cratere di Jezero aveva infatti selezionato una asperità idonea. Solo dopo aver portato a bordo con successo questo materiale, il rover cambierà direzione e si sposterà verso un’area più a nord ovest, dove gli scienziati preparano già un’altra sessione (Tech Meteoweek.com)

"Sembra che le nostre prime rocce rivelino la presenza di un ambiente in grado di sostenere la vita", ha osservato il responsabile scientifico della missione. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Sarebbero state a contatto con l’acqua per un lungo periodo i due campioni di roccia prelevati su Marte dal rover Perseverance della Nasa e attese sulla Terra dopo il 2030, grazie alle missioni del programma Mars Sample Return (Msr). (LiberoReporter)

Ci sono italiani anche fra i ricercatori che già si preparano a scoprire se Marte abbia o meno ospitato forme di vita. «Sembra che le nostre prime rocce rivelino la presenza di un ambiente in grado di sostenere la vita», osserva il responsabile scientifico della missione, Ken Farley. (ilmattino.it)

Entrambi i campioni adesso sono custoditi nei contenitori che Perseverance continua a trasportare al suo interno e che in futuro radunerà in un sito vicino al suo campo d'azione. Potrebbero raccontare se Marte abbia mai potuto ospitare la vita, le prime due rocce prelevate sul pianeta rosso dal rover Perseverance della Nasa e destinate ad arrivare sulla Terra dopo il 2030, grazie alle missioni del programma Mars Sample Return (Msr). (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr