Ludovica Cavo entra fra le migliori 8 nella finale dei 400 ostacoli ai mondiali Under 20

Ludovica Cavo entra fra le migliori 8 nella finale dei 400 ostacoli ai mondiali Under 20
La Stampa SPORT

Impegnata nella prima delle tre semifinali dei 400 metri ostacoli, Ludovica Cavo ha nuovamente ripetuto la prova d’esordio ai mondiali Under 20 di atletica leggera.

Ludovica Cavo è in finale dei 400 metri ostacoli ai mondiali Under 20 di atletica leggera.

Terza Ludovica Cavo in 57”78, in linea con la batteria del giorno precedente, che sarà al termine delle semifinali il terzo miglior tempo in assoluto. (La Stampa)

Ne parlano anche altri giornali

Nella notte italiana, ci saranno altri atleti azzurri pronti a fare faville, ad iniziare da Benedetta Benedetti, impegnata poco dopo la mezzanotte nella finale del disco. Rachele Mori firma la miglior misura nel martello con 64,83 e centra la qualificazione diretta (era richiesto 62,00). (SPORTFACE.IT)

In serata turno decisivo per Benedetti nel disco, semifinale 400hs per Cavo e Seramondi. 03 Agosto 2022. È in corso la terza giornata dei Mondiali U20 a Cali (Colombia): tra il pomeriggio e la serata italiana saranno in gara 9 azzurri, tra cui la leader mondiale del martello Rachele Mori e la saltatrice in lungo Marta Amani. (Fidal)

Un bel regalo di compleanno: Ludovica ha festeggiato i 18 anni già a Cali, il 28 luglio, insieme alle compagne e ai compagni della selezione azzurra e allo staff tecnico. Vola in semifinale da prima della classe: ai Mondiali Under 20, a Cali, in Colombia, Ludovica Cavo vuole lasciare il segno. (Il Piccolo)

Atletica, Mattia Furlani è un talento dal potenziale infinito

is the future #WorldAthleticsU20 pic.twitter.com/lRniU1oAYJ — World Athletics (@WorldAthletics) August 2, 2022 L’argento è andato al giamaicano Bouwahjgie Nkrumie che in 10″01 ha migliorato il record nazionale Under 20. (Il Fatto Quotidiano)

L’acquazzone abbattutosi sullo stadio Pascual Guerrero di Cali (Colombia) ha fatto terminare il programma addirittura a ridosso delle quattro del mattino italiane. A trionfare è stata la svedese Emma Skralla (56.15) davanti alla greca Despina Filippidou (54.48) e alla sudafricana Miné de Klerk (53.54). (OA Sport)

Il laziale è infatti volato a 8.04 metri nel salto in lungo, diventando il primo italiano a superare la fatidica barriera degli otto metri prima di compiere i 18 anni. Poche ore prima, infatti, si era cimentato nelle qualificazioni del salto in alto (superando il taglio, ora è atteso in finale): il doppio impegno sarà ancora possibile nel prossimo futuro? (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr