I vaccini di Pfizer e AstraZeneca fanno crollare i ricoveri per Covid in Scozia: calo fino a -94%

I vaccini di Pfizer e AstraZeneca fanno crollare i ricoveri per Covid in Scozia: calo fino a -94%
Scienze Fanpage ECONOMIA

Tuttavia nel Regno Unito si è deciso di optare per una strategia diversa, somministrando la seconda a tre mesi di distanza dalla prima.

La massiccia campagna vaccinale nel Regno Unito contro il coronavirus SARS-CoV-2 sta funzionando egregiamente.

Un nuovo studio preliminare condotto dalla Public Health England (PHE), l’Agenzia governativa del Dipartimento di Sanità e Assistenza sociale, ha infatti evidenziato un vero e proprio crollo dei ricoveri ospedalieri in Scozia (Scienze Fanpage)

Su altre testate

Sia il prof. Vicini che io non abbiamo ritorni diretti o indiretti da questa attività, se non il piacere di rendersi utili In quella prima diretta abbiamo parlato di "virus della paura" perchè non immaginavamo la portata dell'epidemia, che poi è diventata pandemia. (ForlìToday)

Sembra una provocazione, ma riflettiamoci. Unum castigabis, centum emendabis solevano dire gli antichi romani. Così come Mao Tze Tung, al quale vengono attribuite rigide implementazioni del motto. (Sport Mediaset)

Al momento l’Aifa dice che chi si ammala dopo la vaccinazione nei primi giorni non deve fare la seconda dose. Personalmente credo che la singola dose sia il destino dei vaccinati, nel senso che i richiami per le varianti probabilmente dovranno consistere in una sola dose”. (La Gazzetta dello Sport)

Covid, a che punto è la vaccinazione tra gli operatori sanitari: è vero che hanno già raggiunto l’imunizzazione?

Nonostante il sistema delle regioni a colori abbia funzionato nel medio periodo, abbiamo ancora 380 mila pazienti positivi, oltre 17 mila e 900 pazienti in ospedale, con tutti i dati che sono in incremento "O si introducono elementi di aggiustamento del sistema a fasce oppure rischiamo di trovarci in ritardo con l'accelerazione del virus, con la variante inglese nelle prossime settimane ci aspettiamo un incremento importante dei casi. (AGI - Agenzia Italia)

Dopo 4 settimane dall’assunzione, il pericolo di finire in ospedale risulta quasi azzerato nel caso di AstraZeneca (meno 94% appunto) e considerevolmente ridotto (85%) anche con Pfizer. Il campione è l’intera popolazione di riferimento è l’intera popolazione della Scozia, 5,4 milioni di persone (L'HuffPost)

Nell’attesa della conclusione della campagna però emerge come l’adesione di medici e infermieri sia massiccia e si attesti al 99%. A fornire le risposte è stato un campione rappresentativo di 1.022 operatori sanitari, dei quali il 60,2% dirigenti medici, il 24,6 infermieri, il 6,3% specializzandi. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr