Tragedia a Bondeno, donna trovata morta. Fermato il convivente

Tragedia a Bondeno, donna trovata morta. Fermato il convivente
Approfondimenti:
Telestense INTERNO

Chiusa dagli investigatori la circolazione nel borgo, questa mattina, per non inquinare le prove: l’ipotesi su cui si sta lavorando è quella dell’omicidio.

La donna, trovata con la testa fracassata, presumibilmente è stata colpita con un oggetto contundente.

Fermato il convivente. . Sul posto, a Borgo San Giovanni, sono intervenuti i carabinieri e la polizia locale di Bondeno per accertare i fatti. (Telestense)

Su altri giornali

Sono in corso rilievi da parte dei carabinieri nell’appartamento e indagini, con il pm di turno, Stefano Longhi, che sta sentendo alcune persone. Una donna di 51 anni, Rossella Placati, divorziata, due figli, è stata trovata morta in casa a Bondeno, nel Ferrarese, presumibilmente colpita alla testa con un oggetto contundente. (Corriere della Sera)

Per le aziende ferraresi la cifra complessivamente in gioco è di 15,7 milioni. Si tratta complessivamente di 124 milioni di euro, divisi per la maggior parte in tre province: Ferrara, Modena e Bologna. (La Nuova Ferrara)

Da qui una riflessione: "Evidentemente – aggiunge Daniela – Doriano non voleva accettare la separazione Omicidio di Bondeno: fermato il compagno di Rossella Placati. Ricorda Rossella, che tra le tre sorelle, rappresentava la ‘solarità e la voglia di vivere’. (il Resto del Carlino)

Omicidio Bondeno: la vittima lavorava alla Haemotronic di Mirandola

Si trattava di studenti universitari fuori sede provenienti da varie zone di Italia, ma anche da Spagna, Francia e Germania. Una festa con trenta giovani universitari stipati in un appartamento di via Della Paglia, violando le misure antiCovid: per ciascun partecipante una sanzione di 400 euro, per dodicimila euro in tutto. (La Nuova Ferrara)

Vogliamo ricordare Rossella come una bravissima persona, che ci sapeva fare. Ieri mattina non era andata a lavorare e quell’assenza ingiustificata aveva insospettito i colleghi del reparto “sacche”. (La Nuova Ferrara)

Sulla porta di casa non sarebbe stato trovato nessun segno di effrazione e nessun oggetto contundente capace di provocare la ferita al cranio che ha ucciso la donna, da tempo operaia alla Haemotronic di Mirandola, è stato trovato. (La Pressa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr