Prestito Fca, la grande bugia del salvataggio della filiera | il manifesto

Prestito Fca, la grande bugia del salvataggio della filiera | il manifesto
Il Manifesto Il Manifesto (Economia)

Registrati. Accedi tramite la tua email: Per favore, correggere i seguenti errori di input: dummy Email * Password * Ricordami Entra Non ricordi la tua login e/o la password?

recuperali.

La registrazione è gratuita e ti consente la lettura di n.

Ne parlano anche altre testate

(askanews) - "L'Italia si è impeganata per prima a dire che occorreva un fondo per la ripresa che si rifinanziasse con gli eurobond; oggi che i due leader di Francia e Germania si posizionano sulla proposta che l'Italia ha lanciato, anche la Germania che dice che bisogna raccogliere 500 miliardi con titoli di stato europei e darli a fondo perduto ai paesi più colpiti, tra cui c'è anche l'Italia, non credo si possa dire che è una cosa negativa". (Yahoo Finanza)

"Quando si va su prestiti di grandi dimensioni, che pure sono prestiti, è un prestito che viene ripagato con gli interessi e anche con un costo della garanzia, perché sui grandi prestiti a differenza di quelli piccoli la garanzia ha un costo. (Rai News)

«Se Fca chiede un prestito per le unità produttive che sono in Italia e per garantire la sopravvivenza dei 300 mila posti di lavoro che in questo momento sono in Italia, allora può avere un senso. Sullo sfondo gli echi della polemica politica, pro o contro Fca a causa della sede legale ad Amsterdam e fiscale a Londra (La Stampa)

“Sono passati due lunghi mesi all’interno dello stabilimento senza produzione”, ha dichiarato Ardis Snow, presidente dello stabilimento di assemblaggio di Brampton. Dopo essere stata chiusa per circa due mesi a causa della pandemia COVID -19, la produzione riprenderà questa settimana nello stabilimento di assemblaggio Fiat Chrysler a Brampton. (ClubAlfa.it)

Mentre Troia brucia.... c’è ancora chi ha il coraggio di mettere in dubbio l’operazione “prestito garantito” per FCA Italia. Mercato auto Italia, crollo d'aprile: -97,5%. Misure di rilancio. (Auto.it)

Lo comunica l'Acea, l'associazione dei costruttori europei, sottolineando che il calo record a quota 270.682 macchine vendute è legato alle restrizioni per la pandemia, con la maggioranza dei concessionari nei paesi Ue chiusi per tutto il mese. (Tiscali.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti