Il protocollo, gli errori e quei tentativi imbarazzanti di giustificarsi: così Michel è finito nella rete del “Sofà-gate”

La Stampa ESTERI

Bruxelles – Il diverso protocollo applicato dai Paesi terzi, l’assenza del personale della Commissione, stanze chiuse e impossibili per sopralluoghi di ordine logistico-organizzativo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. il quotidiano e. gli allegati in digitale Sei già abbonato?

Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, è finito nella rete del sofagate consumatosi ad Ankara in occasione della visita ufficiale dei vertice Ue. (La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

Il VIDEO è VIRALE. A Bruxelles lo hanno soprannominato il 'sofagate' con tanto di hashtag per i social. la PRESIDENTE dell'UE lasciata SENZA la SEDIA. (iLMeteo.it)

Carissimi infermieri, quello del letto 6 è una persona meravigliosa. Avete avuto la sfortuna di conoscerlo così, ma non fatevi ingannare: quel signore del letto 6 è un leone. (Corriere della Sera)

Ho già espresso il mio rincrescimento alla signora von der Leyen e a tutte le donne. L’atteggiamento paternalista e l’incidente politico. Sul fatto che non si sia seduto accanto a von der Leyen o non le abbia lasciato il posto sulla poltrona, Michel replica che “ho avuto qualche secondo per decidere l’atteggiamento da avere. (Blitz quotidiano)

Michel ha perso l'occasione di mostrare i valori europei

Anche le donne magistrate italiane - oltre la metà di tutti i giudici del nostro Paese - protestano per il sofa-gate. "Atto palesemente discriminatorio". (La Repubblica)

Turchia, Erdogan riceve von der Leyen e Michel: ma per la presidente non c'è la sedia. "La Turchia rispetti le donne. Caso Von der Leyen, alla Camera una sedia vuota al centro dell'aula. (La Repubblica)

Alla fine la leader europea ha fatto un cenno con la mano destra e, mugugnando un «ehm» di disapprovazione, si è posizionata su un divano di fronte al ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che però è al di sotto di lei nel protocollo diplomatico Michel e Erdogan non hanno esitato e si sono seduti davanti a von der Leyen, stupita, in chiaro imbarazzo e irritata. (Corriere Fiorentino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr