Bce: se Recovery sarà usato bene Pil area euro +5%

Bce: se Recovery sarà usato bene Pil area euro +5%
Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Secondo le stime della Commissione Europea, le misure di bilancio adottate in risposta alla pandemia ammontavano al 4,2% del pil nel 2020 per l'intera zona euro

Circa due terzi dei trasferimenti agli Stati è destinato a sei Paesi con un debito/pil superiore al 100% (tra cui l'Italia, che ha il secondo debito più elevato in rapporto al pil dell'area monetaria).

3' di lettura. Next Generation Eu può fornire un significativo sostegno macroeconomico di circa il 5% del pil dell'area euro se usato pienamente. (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altri media

Hahn ha anche spiegato che sull'attesa sentenza della corte tedesca "non c'è un piano B" perché "siamo fiduciosi". "Un euro digitale può avere successo solo se soddisfa le esigenze degli europei", il commento di Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della Bce. (la Repubblica)

Il PEPP potrebbe vedere infatti la sua fine in meno di un anno, secondo quando dichiarato dal governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau. BCE: il PEPP finirà a marzo 2022. Villeroy non è una voce fuori dal coro. (Money.it)

Lanciata a ottobre 2020, la consultazione pubblica della BCE sull’euro digitale ha confermato le osservazioni iniziali dell’ente, fornendo informazioni preziose per la decisione dell’Eurosistema a metà 2021 sul lancio di un’indagine formale in merito all’euro digitale. (Cointelegraph Italia)

Allarme della Bce: rischio crac: "Evitare ritardi sul Recovery" (Corriere della Sera)

Dopo seguirebbero anni di lavoro per determinare le possibili modalità operative: "Questa fase, che durerà diversi anni sarebbe dedicata allo sviluppo di servizi integrati, ai test e all'eventuale sperimentazione pratica di un euro digitale. (Milano Finanza)

“Rendere operativi senza ritardi i Piani nazionali di ripresa e resilienza è della massima importanza“, ha avvertito il vicepresidente della Bce che avverte: “se in Europa vogliamo una ripresa nei tempi previsti dobbiamo evitare qualunque effetto a cascata dal ritiro prematuro” delle misure di aiuto all’economia. (QuiFinanza)

“Vedremo inevitabilmente un maggior numero di bancarotte rispetto allo scorso anno”. La frase della presidente della Bce Christine Lagarde sarebbe arrivata come una doccia fredda sulle stime del bollettino annuale (SoldiOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr