LGBTQ+: studenti e prof chiedono di parlarne in classe, tre ragazzi su quattro vorrebbero saperne di più

LGBTQ+: studenti e prof chiedono di parlarne in classe, tre ragazzi su quattro vorrebbero saperne di più
Approfondimenti:
HelpMeTech ESTERI

dvertisements. . . . Dodici domande, oltre 3.000 intervistati, 82 commenti: il questionario distribuito nelle scuole superiori di tutta Italia da WeSchool registra un il desiderio della stragrande maggioranza dei ragazzi di capire di più su omobitransfobia e differenza di genere.

Molti dichiarano di… | Read More | Repubblica.it > Cronaca. Advertisements Loading. .dvertisements

(HelpMeTech)

La notizia riportata su altre testate

Questo vale ancor di più per la maestra Franca Olivieri che si specchia nell’affetto che è riuscita a costruire durante la sua carriera, dentro e fuori le mura scolastiche. Le foto raccontano la sorpresa organizzata per lei oggi all’uscita dalla scuola Salvo D’Acquisto di Macerata (Cronache Maceratesi)

Emozione e anche risate, visto che i ragazzi hanno omaggiato i prof con le frasi più frequenti che si sono sentiti ripetere negli ultimi cinque anni: «Ripetiamo bene», oppure «poco vivaci intellettualmente» oppure ancora «signorina laggiù in fondo!». (Corriere Roma)

Spetta al presidente della commissione procedere alla succitata nomina, come leggiamo nell’articolo 20, comma 4, della citata ordinanza n. 2020/21, docente di sostegno: da chi e quando viene nominato. (Orizzonte Scuola)

Docenti, 110mila cattedre libere ma non più di 40mila assunzioni possibili. Anief: se non cambiano le regole a settembre sarà un disastro

All’articolo 59, al comma 4, sostituire le parole “In via straordinaria, esclusivamente per l’anno scolastico” con le seguenti “A decorrere dall’anno scolastico”. All’articolo 59, al comma 16, al primo periodo, dopo le parole “14 e 15”, eliminare la parola “non” (Orizzonte Scuola)

''Un'idea geniale'', semplicissima, ma rivoluzionaria in quest'epoca pandemica: mostrare il proprio sorriso a dei bambini che mai, prima d'ora, lo avevano potuto vedere dopo un anno di ''mistero'' e lezioni quotidiane affidate esclusivamente a sguardi e voci. (il Dolomiti)

In totale, si calcola che circa 700mila insegnanti saranno chiamati a svolgere il corso: al corso intensivo, quindi, non parteciperanno gli specializzati su sostegno. L’unità formativa sarà dunque costituita da 25 ore e non sembrerebbe consentito l’esonero dal servizio. (Tecnica della Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr