Green Pass, cosa succede tra i portuali di Trieste e il governo

Green Pass, cosa succede tra i portuali di Trieste e il governo
QuiFinanza INTERNO

Perché protestano e cosa chiedono i portuali di Trieste. Il centro della protesta è il porto di Trieste.

Il coordinamento dei lavoratori ha chiesto una “abolizione del Green Pass” e minaccia il blocco totale della circolazione navale.

I rappresentanti dei lavoratori portuali hanno proposto un posticipo al 30 ottobre dell’entrata in vigore dell’obbligo di tampone o di vaccinazione

La data coincide infatti con l’entrata in vigore dell’obbligo di Green Pass sul luogo di lavoro – qui una una guida definitiva con le Faq del governo. (QuiFinanza)

Se ne è parlato anche su altre testate

Si batte per l'obbligo vaccinale nel settore agroalimentare e della logistica il presidente di Filiera Italiana Luigi Scordamaglia: "Con il green pass si delega su aziende e lavoratori, i tamponi sono una misura transitoria" (La7)

Il porto di Trieste è uno degli scali marittimi più importanti del nostro Paese. Non si usino strumenti che non hanno nulla a che fare con la libertà e che invece rischiano di compromettere l’economia della città, comportando la perdita di posti di lavoro”. (Imola Oggi)

In merito al rifiuto di annullare la protesta nonostante le le aziende abbiano dato la disponibilità ad accollarsi il costo del tampone, Volk chiarisce: “perché solo ai lavoratori portuali? Se il Governo dovesse posticipare l’obbligo del Green pass, Volk anticipa che “nel caso prenderemmo nota e ci adegueremmo, non avrebbe senso domani bloccare il porto. (StrettoWeb)

Il presidente del porto di Trieste: “Blocco danno incalcolabile. Manifestanti? 9 su 10 non sono portuali”

Ma penso che se domani diamo una dimostrazione che siamo compatti, diamo un segnale forte a tutti” afferma Stefano Puzzer, portavoce del Coordinamento lavoratori portuali Trieste nel corso dell’assemblea (TRIESTEALLNEWS)

Lo ha detto il portavoce del Coordinamento lavoratori portuali di Trieste (Clpt), Stefano Puzzer, parlando ai partecipanti alla protesta del Clpt contro l’obbligo del green pass per l’accesso al lavoro (LaPresse)

Intanto iniziano le prime defezioni degli investitori che hanno spostato le proprie navi altrove: "Il blocco del porto provocherà un danno incalcolabile". 9 su 10 non sono portuali” Intervistato da Fanpage. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr