Confermato il carcere a vita per il “macellaio della Bosnia”

Confermato il carcere a vita per il “macellaio della Bosnia”
La Gazzetta di Modena ESTERI

Il tribunale dell’Aja ha respinto il ricorso dell’ex generale serbo-bosniaco Ratko Mladic contro la sua condanna all’ergastolo per genocidio e crimini contro l’umanità, che viene così confermata diventando definitiva.

Il 22 novembre 2017 Mladic era stato condannato all’ergastolo: fra i capi d’accusa anche la responsabilità del massacro di Srebrenica del 1995, il peggiore in Europa dalla seconda guerra mondiale, quando furono uccisi 8mila ragazzi e uomini musulmani. (La Gazzetta di Modena)

Su altri giornali

Il procuratore del Tribunale, Serge Brammertz, alla vigilia della sentenza si era detto cautamente ottimista: “Non posso immaginare un altro risultato a parte la conferma” del verdetto. (IL GIORNO)

Termina. Puoi selezionare il secondo in cui puoi far terminare il contenuto che vuoi condividere. Posiziona il player nel punto in cui vuoi avviare la selezione e poi premi la spunta di Inizia. (Radio Radicale)

I giudici dell'Aja hanno confermato le accuse di genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità all'ex capo militare dei serbi di Bosnia, Ratko Mladic. l Tribunale dell'Aja ha confermato in appello la condanna all'ergastolo per Ratko Mladic, il macellaio di Srebrenica (TRT)

Niente sconti al macellaio di Bosnia, ergastolo confermato per Ratko Mladic

Nel 2017, il “Macellaio di Bosnia”, così com’è soprannominato, è stato condannato in primo grado all'ergastolo per l'assedio di Sarajevo durante la guerra in Bosnia del 1992-95, e per il genocidio di Srebrenica, in cui furono uccisi 8 mila musulmani La sentenza diventa così definitiva. (Yahoo Notizie)

La sentenza d'appello di ieri che ha condannato al carcere a vita Ratko Mladic per genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità è definitiva e non è possibile presentare ulteriori ricorsi. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Nel luglio del 1995 Mladic aveva ordinato il massacro di tutti i maschi adulti e ragazzi della cittadina, in cui si erano rifugiati molti bosniaci musulmani, per sfuggire alle persecuzioni. Lo stesso Karadzic due anni fa è stato condannato all’ergastolo in appello, accusato di genocidio, deportanzioni e crimini contro l’umanità. (TIMgate)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr