Bitcoin, un altro grande colosso pronto a puntare sulla Criptovaluta: così cambia tutto

kronic ECONOMIA

Infatti, una delle più grandi multinazionali al mondo, Apple, ha deciso di puntare sui Bitcoin e le altre sorelle della moneta digitale.

Si tratta di un’apertura totale ai Bitcoin da parte di Apple, decisa per poter effettuare transazioni con questa moneta digitale e le altre simili.

In particolare, Cina, Usa, Turchia e Gran Bretagna, hanno deciso di regolamentare il settore delle criptovalute, con conseguente periodo negativo nelle quotazioni

Per i Bitcoin arriva l’ennesima svolta, ora ad interessarsi a loro c’è la Apple. (kronic)

Su altre testate

Paul Tudor Jones II è un noto gestore di hedge fund miliardario e già tempo fa rivelò di aver investito in Bitcoin. Ieri Paul Tudor Jones è intervenuto durante il programma Squawk Box della CNBC, intervistato da Joe Kernen, ed ha dichiarato che vuole portare i suoi investimenti in oro, Bitcoin, cash e commodity al 5% ciascuno. (Cryptonomist)

Il Bitcoin è tornato a scambiare sopra la soglia psicologica dei 40.000 dollari, rialzandosi dai minimi intraday di una settimana fa, poco sopra quota 30.000. L’unica cosa che so è che voglio il 5% in oro, il 5% in Bitcoin, il 5% in cash e il 5% in commodity”. (Money.it)

In un documento S-3 presentato lunedì alla Securities and Exchange Commission statunitense, MicroStrategy ha dichiarato che lancerà un’offerta di security “at the market” per poter vendere fino a 1 miliardo di dollari in azioni Class A Common. (Cointelegraph Italia)

Michael Saylor, il CEO di MicroStrategy, continua a supportare attivamente Bitcoin tra gli annunci sulla raccolta fondi, accumulando un pubblico considerevole sui social media. “Se investi il 5% del tuo portafoglio in Bitcoin, hai deciso di investire il 95% del tuo portafoglio in asset che vengono svalutati da Bitcoin,” ha risposto a Tudor Jones (Cointelegraph Italia)

Secondo il rapporto di ProPublica della scorsa settimana, il ceo di Tesla ha pagato $ 455 milioni di tasse dal 2014 al 2018. Musk prevede che il primo uomo su Marte ci sarà verosimilmente tra 6 anni, ma forse già tra 4 anni (Finanzaonline.com)

È proprio il boss di Tesla, tuttavia, ad aver portato un colpo terribile all’entusiasmo per le criptovalute. Lo scopo di questa criptovaluta è ridurre notevolmente il consumo di energia legato al mining e all’immagazzinamento. (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr