Mattarella: "I magistrati rifuggano da logiche corporative"

Mattarella: I magistrati rifuggano da logiche corporative
Più informazioni:
Rai News INTERNO

La professionalita' non puo' mai ridursi a mera tecnicalita', ma richiede l'esercizio dell'onesta' intellettuale di equilibrio, sobrieta', di obiettivita', assenza si autoreferenzialita' e impone di rifuggire da logiche corporative che snaturano e deprimono la figura del magistrato".

Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontrando al Quirinale i referendari di nuova nomina della Corte dei Conti Quirinale:Mattarella riceve referendari nuova nomina Corte Conti accompagnati dal Presidente della Corte dei Conti, Dott. (Rai News)

La notizia riportata su altri media

Le ingenti risorse attualmente destinate all’Italia vanno utilizzate in modo attento e responsabile, nella consapevolezza che ci troviamo in una condizione senza precedenti e, verosimilmente, irripetibile. (LiberoQuotidiano.it)

Obiettivo ineludibile se intendiamo rendere la ripresa stabile e duratura", ha ricordato Mattarella Resta alta la fiducia in Mattarella di Ilvo Diamanti 21 Novembre 2021 di Ilvo Diamanti. Il debito pubblico. (La Repubblica)

Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha incontrato al Quirinale i referendari di nuova nomina della Corte dei Conti. "Il filo rosso che deve assicurare l'esercizio delle funzioni è l'etica delle istituzioni per l'affermazione di valori". (Repubblica TV)

Mattarella “Il Pnrr inciderà sulla società, usare bene le risorse”

"Già a partire da quest'anno -ha poi ricordato il Capo dello Stato- i documenti di finanza pubblica indicano l'obiettivo di una riduzione del debito pubblico, obiettivo ineludibile se intendiamo rendere la ripresa stabile e duratura" "Le logiche corporative deprimono la figura del magistrato", cui sono richieste rispetto dell'"etica pubblica e assenza di autoreferenzialità". (Adnkronos)

(LaPresse) – “Si tratta di partire dai fondamentali, dall’essenza delle vostre funzioni. Roma, 23 nov. (LaPresse)

Le ingenti risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza impongono, in un arco temporale breve, un volume considerevole di investimenti che incideranno, insieme alle riforme, sull’evoluzione e sulla stessa idea di società. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr