Scovato dopo un mese: denunciato il 40enne che aveva imbrattato il monumento ai caduti

Scovato dopo un mese: denunciato il 40enne che aveva imbrattato il monumento ai caduti
PadovaOggi CULTURA E SPETTACOLO

Quasi quattro settimane di indagini per risalire al colpevole del deplorevole gesto: i carabinieri di Piove di Sacco hanno denunciato G.E., 40enne residente a Brugine e già noto alle forze dell'ordine per danneggiamento, imbratamento e deturpamento di beni pubblici.

I fatti. Tutto ha inizio il 4 aprile, quando il sindaco di Brugine si reca dai militari dell'Arma per denunciare un increscioso fatto: qualcuno aveva infatti imbrattato il monumento ai caduti delle Grandi Guerre in piazza Ungheria proprio a Brugine, disegnando sulla base marmorea con un pennarello indelebile la figura di un pesce con la scritta "1 aprile 2021" e apponendo anche un cartello con frasi prive di senso e il risultato di una partita di calcio. (PadovaOggi)

Su altre testate

I risultati descritti nello studio consentiranno il disegno di molecole in grado di bloccare il legame della proteina ICP4 con le strutture G-quadruplex, bloccando molto specificamente il ciclo vitale e i numerosi danni causati da questo virus Attraverso il riconoscimento di queste strutture di DNA la proteina ICP4 di HSV-1 stimola la produzione di nuovi virus, sempre di tipo HSV-1, e convince la cellula umana ad aiutare il virus a moltiplicarsi, aumentando i danni causati dall’infezione. (PadovaOggi)

L'azienda ospedaliera di Padova vede ricoverati 88 pazienti attualmente affetti da Coronavirus di cui 18 in terapia intensiva, mentre un paziente è ricoverato in area non critica al Sant'Antonio. (PadovaOggi)

Il paese, listato a lutto, si è fermato ieri mattina per l’ultimo saluto a don Vittorio Stecca, l’amato parroco che lunedì mattina è morto, a 66 anni, per il Covid-19. In un altro passaggio ha poi ricordato don Vittorio: «Si è dedicato totalmente agli altri, a cuore aperto, superando quel limite che invece ci spinge a pensare solo a noi stessi. (Il Mattino di Padova)

Coronavirus, la ripartenza nel padovano: ristoranti è boom di prenotazioni a pranzo

padova. . Ci sono i “se”, gli scongiuri, la scaramanzia ma, insomma, gli apparati della pubblica sicurezza cittadina devono pianificare il fine settimana e tra i numerosi appuntamenti c’è anche l’ipotetica promozione in B del Calcio Padova. (Il Mattino di Padova)

Perquisizione con "sorpresa": i carabinieri del Norm di Este hanno denunciato C.A., 33enne di Solesino, per possesso ingiustificato di arma bianca. Una mossa che si è rivelata azzeccata: i carabinieri hanno infatti trovato nascosto nel bagagliaio un coltello a scatto della lunghezza complessiva di ben 32 centimetri. (PadovaOggi)

Nel quadrante ovest della provincia inoltre le prenotazioni sono tutte legate alla conferma dell’ultimo minuto. Le prenotazioni per i ristoranti fioccano, tanto in provincia quanto in città. (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr