Maxi-frode da 440 milioni sull’edilizia, arrestati il “re dei bonus” e la “mente…

Il Fatto Quotidiano INTERNO

Da qualche tempo vivevano da latitanti in Colombia e Repubblica Domenicana.

L’ex latitante è atterrato domenica scorsa all’aeroporto di Fiumicino, dove i finanzieri e gli agenti della polizia di frontiera lo hanno formalmente arrestato e portato in carcere a Rimini

Pochi giorni prima dell’esecuzione dell’ordinanza dello scorso gennaio, i due erano volati a Santo Domingo e in Colombia per una vacanza, ma poi erano rimasti nei due paesi dove ora sono stati arrestati. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altre testate

Si tratta di un commercialista, Roberto Amoruso, e di un imprenditore, Andrea Leonetti, di Barletta, ritenuto “il re dei bonus” che a gennaio nei giorni della maxi operazione in Italia si trovavano in vacanza rispettivamente in Colombia e a Santo Domingo (Corriere della Calabria)

Si tratta di uno dei capi dell’associazione per delinquere e di un commercialista. Già ricondotto in Italia, è stato portato nel carcere di Rimini, a disposizione dell’autorità giudiziaria (L'Unione Sarda.it)

no è stato arrestato a Medellin, in Colombia, e l'altro a Santo Domingo, nella Repubblica dominicana. L'ex latitante è atterrato domenica scorsa a Fiumicino, dove è stato prelevato e portato alla casa circondariale di Rimini (La Repubblica)

Il sistema di frode. (BarlettaViva)

440 milioni di euro sottratti allo Stato con il commercio di falsi crediti di imposta riguardanti le misure intraprese dal governo per far fronte all'emergenza Covid: bonus facciate, sisma bonus e locazioni. (BarlettaLive)

Amoruso è finito in manette all’aeroporto di Medellin: è in carcere a Bogotà in attesa dell’estradizione. Alla fine però i due esponenti del ramo ‘pugliese’ dell’organizzazione, Andrea Leonetti e il commercialista Roberto Amoruso, sono stati arrestati nei due Paesi dove erano volati per una vacanza, Santo Domingo e Colombia (il Resto del Carlino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr