Soldi per gli appalti, funzionario rifiuta la mazzetta e fa scattare l’indagine

Soldi per gli appalti, funzionario rifiuta la mazzetta e fa scattare l’indagine
CasertaNews INTERNO

Ma non è stato solo.

Anche un altro dipendente della Provincia di Benevento ha denunciato le pressioni subite.

“Dalle intercettazioni, abbiamo notato che, per lungo periodo la parte tecnica l’ha fatta da padrona per le gare d’appalto ma la parte politica stava reclamando la sua parte.

E proprio questo indica che l’esistenza dell’attività di turbativa non era occasionale, ma c’era una preordinata e sistematica violazione e deviazione della correttezza nell’affidamento degli appalti

L’indagine, che è durata due anni, ha riguardato appalti nella provincia di Benevento e uno a Caserta (CasertaNews)

La notizia riportata su altri giornali

Tempo di lettura: (anteprima24.it)

Ci sarebbero anche altri reati per i quali si procede, tentativo di induzione indebita a dare o a promettere altre utilità, tentativo di concussione, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falso ideologico. (SalernoToday)

Nella mattinata odierna, all’esito di intensa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, militari del Comando Provinciale CC di Benevento stanno dando esecuzione a diciotto ordinanze applicative di misure cautelari personali -di cui 8 agli arresti domiciliari e 10 misure interdittive del divieto temporaneo di contrattare con la pubblica amministrazione- emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di vari soggetti, pubblici ufficiali in servizio presso la Provincia di Benevento, imprenditori e professionisti. (Edizione Caserta)

Terremoto Provincia, 1000 euro in una cartellina: la denuncia del funzionario che non ha accettato

Se le ipotesi di reato dovessero essere confermate, come anche gli arresti, verrebbe messo a nudo un sistema di corruzione a cui la politica, sin da subito, deve dare una risposta. Nell’attesa che la magistratura faccia il suo corso è necessario che la politica attivi i suoi anticorpi. (NTR24)

È in corso il sequestro preventivo, anche per equivalente, di somme di denaro pari a complessivi 49.500,00 mila euro, costituenti il prezzo dei reati di corruzione finora accertati e di cui si ritiene siano già stati acquisiti elementi in relazione alla loro effettiva consegna (CasertaCE)

Abbiamo acquisito, nel tempo, elementi di un’attività che non può essere definita isolata, anzi era sistematica, con parte politica e tecnica insieme. Dalle intercettazioni, abbiamo notato che, per lungo periodo la parte tecnica l’ha fatta da padrona per le gare d’appalto ma la parte politica stava reclamando la sua parte. (anteprima24.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr