Travolti e uccisi da un motoscafo sul Garda, il padre di Umberto: "Non perdono"

Travolti e uccisi da un motoscafo sul Garda, il padre di Umberto: Non perdono
Più informazioni:
IL GIORNO INTERNO

"Mi ha sempre dato fastidio il loro atteggiamento perché secondo me non hanno mai detto la verità su come sono andate le cose.

Quello che posso dire è che la mamma e il papà di Greta hanno perso la loro bambina, che non tornerà più

Kassen venne arrestato il 5 luglio dopo essersi costituito al Brennero sapendo di un mandato di arresto internazionale chiesto dalla Procura di Brescia.

Salò (Brescia) - "Non mi cambia nulla sapere se ai domiciliari o libero. (IL GIORNO)

La notizia riportata su altre testate

Patrick Kassen, il turista tedesco che insieme al connazionale Christian Teismann, il 19 giugno 2021 era sul motoscafo Riva finito addosso al gozzo su cui si trovavano Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, morti per lo schianto, è un uomo libero. (Il Fatto Quotidiano)

Per Kassen è rimasto una sorta di «Daspo», dato che il giudice ha disposto che non potrà più accedere alle tre province del Garda, cioè Trento, Verona e Brescia. La misura degli arresti domiciliari è venuta meno il 18 luglio scorso (Alto Adige)

Accade tutto nella frazione di pochi minuti: Umberto e Greta vengono travolti da un'altra imbarcazione che distrugge il loro gozzo. I domiciliari e la libertà. Kassen lo scorso 21 marzo è stato condannato a quattro anni e sei mesi, il suo connazionale a due anni e undici mesi (ilGiornale.it)

Umberto e Greta morti nel lago di Garda, torna libero l'uomo che li ha travolti con il motoscafo

Non mi cambia nulla sapere se ai domiciliari o libero - commenta Enzo Garzarella, il padre di Umberto - davanti alla morte di un figlio non c'è condanna che tenga Ora Kassen non può accedere alle tre province del Garda: Brescia, Trento, Verona, ma dal 18 luglio non è più ai domiciliari. (IL GIORNO)

Non riesco comunque a perdonare, io sono morto dentro”, ha commentato l’uomo (IL VIDEO DA UNA CASA). La vicenda. Kassen lo scorso 21 marzo è stato condannato a quattro anni e sei mesi, il suo connazionale a due anni e undici mesi. (Sky Tg24 )

Ai comandi c'era Kassen perché l'amico – proprietario del motoscafo – si sentiva stanco e non voleva mettersi così ai comandi. L'incidente sul lago di Garda. Durante il processo i due condannati hanno raccontato la loro versione dei fatti. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr