Arzegrande saluta don Vittorio «Una vita spesa per gli altri»

Arzegrande saluta don Vittorio «Una vita spesa per gli altri»
Il Mattino di Padova CULTURA E SPETTACOLO

In un altro passaggio ha poi ricordato don Vittorio: «Si è dedicato totalmente agli altri, a cuore aperto, superando quel limite che invece ci spinge a pensare solo a noi stessi.

Il paese, listato a lutto, si è fermato ieri mattina per l’ultimo saluto a don Vittorio Stecca, l’amato parroco che lunedì mattina è morto, a 66 anni, per il Covid-19.

Don Vittorio era nato a Padova ma apparteneva alla parrocchia di Torreglia, dove risiedeva la famiglia: il papà Emilio, la mamma Teresa, il fratello Angelo e la sorella Rosanna. (Il Mattino di Padova)

Su altri giornali

Una mossa che si è rivelata azzeccata: i carabinieri hanno infatti trovato nascosto nel bagagliaio un coltello a scatto della lunghezza complessiva di ben 32 centimetri. I fatti. È successo proprio a Este: i militari dell'Arma hanno fermato l'uomo mentre era alla guida della sua Volkswagen Scirocco, decidendo di perquisire l'auto. (PadovaOggi)

L'azienda ospedaliera di Padova vede ricoverati 88 pazienti attualmente affetti da Coronavirus di cui 18 in terapia intensiva, mentre un paziente è ricoverato in area non critica al Sant'Antonio. (PadovaOggi)

Quasi quattro settimane di indagini per risalire al colpevole del deplorevole gesto: i carabinieri di Piove di Sacco hanno denunciato G.E., 40enne residente a Brugine e già noto alle forze dell'ordine per danneggiamento, imbratamento e deturpamento di beni pubblici. (PadovaOggi)

Coronavirus, la ripartenza nel padovano: ristoranti è boom di prenotazioni a pranzo

Ma su questo il prefetto Renato Franceschelli è tassativo come un cartellino rosso: «Non saranno ammessi festeggiamenti che creino assembramento». Un sacrificio necessario in considerazione del momento delicato dal punto di vista sanitario (Il Mattino di Padova)

I risultati descritti nello studio consentiranno il disegno di molecole in grado di bloccare il legame della proteina ICP4 con le strutture G-quadruplex, bloccando molto specificamente il ciclo vitale e i numerosi danni causati da questo virus Attraverso il riconoscimento di queste strutture di DNA la proteina ICP4 di HSV-1 stimola la produzione di nuovi virus, sempre di tipo HSV-1, e convince la cellula umana ad aiutare il virus a moltiplicarsi, aumentando i danni causati dall’infezione. (PadovaOggi)

Infine una parte di ristoranti del montagnanese ha scelto di aprire direttamente la prossima settimana Nel quadrante ovest della provincia inoltre le prenotazioni sono tutte legate alla conferma dell’ultimo minuto. (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr