Onofrio, Salvatore, Antonino, Angela, Vito, quel futuro negato nella strage di Bologna

Onofrio, Salvatore, Antonino, Angela, Vito, quel futuro negato nella strage di Bologna
La Sicilia La Sicilia (Interno)

I quattro sarebbero partiti per un breve periodo di vacanza a Ravenna, città di provenienza di Antonella dove Leo Luca risiedeva.

Quel 2 agosto stava andando a Cervia, sulla riviera romagnola, dove come nelle estati precedenti avrebbe lavorato in una pensione.

Ne parlano anche altri media

Alle 10, in piazza Maggiore, l'intervento del presidente dell'associazione, Paolo Bolognesi (l'ingresso per i cittadini che si sono prenotati online è dalle 9 alle 9.45 attraverso quattrp varchi). (La Repubblica)

Questa mattina (2 agosto) alle 10,25, quaranta anni dopo, un gruppo di manifestanti ha teso uno striscione davanti alla stazione ferroviaria, osservando due minuti di silenzio. “Un minuto dedicato alle vittime – spiegano i promotori -, il secondo per la verità e quindi nei confronti di chi ha subito condanne ingiuste e immotivate. (LuccaInDiretta)

Servono “piena verità e giustizia”; è la richiesta che oggi risuona nelle parole del Presidente della Repubblica Mattarella e delle massime istituzioni italiane. Fra le vittime, quel giorno, anche un sammarinese: il 66enne Pietro Galassi, laureato in fisica e matematica, già preside a Viareggio (San Marino Rtv)

Tra i nuovi documenti che hanno consentito la riapertura del caso, ce n’è uno intitolato “Bologna”, sequestrato a Gelli nel settembre del 1982 e redatto nel 1980. A Roma e a Milano si pianificano attentati per provocare massacri, come poi avvenuto a Bologna. (Il Fatto Quotidiano)

Ci saranno anche due taxisti in attesa di clienti, fermi nel posteggio davanti all’edificio polverizzato dallo scoppio. Il più anziano si chiamava Antonio Montanari e di anni ne aveva 86: sei in più di Maria Idria Avati. (Corriere della Sera)

Parte da qui lo speciale «Bologna, la storia di una strage» (Sky Tg24, disponibile on demand). Gli italiani hanno assistito inermi ad attentati di ogni genere: omicidi di militanti politici, poliziotti, magistrati. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr