In Giappone ancora tassi negativi. Bank of Japan eccezione tra banche centrali mondiali

In Giappone ancora tassi negativi. Bank of Japan eccezione tra banche centrali mondiali
Più informazioni:
Borse.it ECONOMIA

La Bank of Japan di Haruhiko Kuroda si conferma mosca bianca tra le banche centrali di molte altre economie, impegnate a scongiurare e a domare nuove fiammate dell’inflazione. Oggi la banca centrale del Giappone ha confermato i tassi di interesse di riferimento al livello minimo di sempre, ovvero al -0,1%, il che significa che la politica monetaria si basa ancora sullo strumento dei tassi negativi, a cui la Bce di Christine Lagarde ha ormai rinunciato con le sue strette monetarie. (Borse.it)

Ne parlano anche altre testate

ROMA, 22 SET - La decisione della Bank of Japan di mantenere i tassi fermi a livelli molto bassi, isolandola ancor più dal generale andamento di rialzi nel mondo, manda lo yen ai minimi dal 1998. (Alto Adige)

La valuta nipponica, che ha perso il 20% da inizio anno, segna un calo dello 0,9% a 145,3 sul dollaro. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Reuters UK100 -0,35% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio US500 -1,71% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio FCHI -0,58% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio DE30 -0,41% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio IT40 +0,01% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio CSGN -1,26% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio IXIC -1,79% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio (Investing.com Italia)

Borsa: Milano maglia rosa in Europa in vista della Fed

*** Cambi: yen ai minimi dal 1998 sul dollaro a 145 dopo Fed e BoJ (Il Sole 24 ORE)

Borse europee attese in netto ribasso in avvio di seduta (-1,55% il future sull'Eurostoxx50) in scia a quelle asiatiche e ai futures di Wall Street (-0,21% quello sul Dow Jones e -0,43% quello sull'S&P500) dopo che il presidente russo, Vladimir Putin, ha ordinato una mobilitazione dei riservisti in un'escalation del conflitto in Ucraina, dicendo che l'Occidente vuole distruggere la Russia, e all'indomani della Fed che ha alzato i tassi di 75 punti base per il terzo meeting di fila, portando il range al 3-3,25%. (Milano Finanza)

I principali listini del Vecchio continente si sono mostrati cauti in attesa delle decisioni della Fed sulla politica monetaria. Lo spread tra Btp e Bund è sceso a 222 punti. (La Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr