Le parole del leader della Lega e azionista dell'esecutivo.

Le parole del leader della Lega e azionista dell'esecutivo.
Yahoo Notizie INTERNO

Proposte che nei prossimi giorni saranno discusse tra governo e regioni in vista del nuovo Dpcm ai primi di marzo"

Adnkronos. E' terminata la riunione tra i ministri Roberto Speranza e Maria Stella Gelmini con Regioni, Anci e Upi sulle misure anti Covid.

Domani l'unico provvedimento all'esame del Cdm sarà il prolungamento dello stop agli spostamenti tra Regioni, avrebbe puntualizzato -apprende l'Adnkronos da fonti presenti all'incontro- la ministra Gelmini nel corso della riunione. (Yahoo Notizie)

Ne parlano anche altri giornali

Il virus non è lo stesso dell’anno scorso, è chiaro che occorre essere sempre più precisi a livello territoriale ed è per questo che un lockdown nazionale o zona arancione nazionale non ha senso. Se ci sono realtà più colpite si intervenga ma non si possono penalizzare 60 milioni di italiani”. (Tempo Stretto)

Zona arancione, Salvini: «Basta con annunci e allarmi, no a lockdown ingiustificati e generalizzati» Di fatto, la voce di Salvini è l’unica che si senta, e per una ragione banalissima: che gli altri non sembrano avere niente da dire. (Il Messaggero)

Quindi, chiedo al ministero dell’Interno se ci sono le condizioni di sicurezza e, se non ci sono, ce lo dica in tempo”. Per quel che riguarda Arcuri, lascio giudicare chi ci ascolta sulle mascherine, sui banchi a rotelle, sui vaccini, sull’Ilva. (Il Fatto Quotidiano)

Salvini (Lega): "Bisogna riaprire in sicurezza tutte le attività altrimenti danni economici e mentali devastanti"Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco - AGIMEG - AGIMEG

Gli italiani chiedono serietà e univocità di informazione, non spettacolarizzazione o addirittura terrorismo mediatico" (Giornale di Sicilia)

Così il leader della Lega, Matteo Salvini, dopo l’incontro avuto a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi. “Se si può pranzare in tranquillità e distanza, si può anche cenare – spiega -. (LaPresse)

“Con estrema cautela e prudenza, ma serve un graduale ritorno alla vita, riaprendo in sicurezza, palestre, piscine, teatri e oratori, altrimenti i danni anche mentali oltre che economici rischiano di essere devastanti”. (AGIMEG)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr