Scuola:da oggi almeno 7,7 milioni di alunni in classe,il 90%

Scuola:da oggi almeno 7,7 milioni di alunni in classe,il 90%
Gazzetta di Parma INTERNO

La variabilità riguarda solamente le superiori e dipenderà dalle capienze delle aule e dall'eventuale utilizzo anche di spazi esterni favorito dalla stagione primaverile di questo scorcio conclusivo dell'anno scolastico

In particolare, da oggi, il numero degli alunni in classe potrebbe oscillare complessivamente - secondo le stime di Tuttoscuola - tra 7.667.374 e 8.505.440, cioè tra il 90% e quasi il 100% dell'intera popolazione scolastica delle scuole statali e paritarie. (Gazzetta di Parma)

Ne parlano anche altre testate

Apprensione tra i genitori dei piccoli La decisione. In attesa di conoscere i risultati dello screening totale, dunque, la didattica in presenza è stata sospesa per le classi interessate ai contagi o alla catena dei loro contatti. (SalernoToday)

Intanto somministrate 20.755.863 dosi di vaccino in Italia: dopo gli over65 si allarga la platea e arriverà anche il turno delle scuole. Il dato è di Tuttoscuola, che ha calcolato i rientri considerando che resta in zona rossa solo la Val d’Aosta. (LaPresse)

Sui banchi almeno 7,7 milioni di alunni, tutto dipende per gli istituti superiori dalla capienza delle aule e dall’eventuale utilizzo anche di spazi esterni. Inizia oggi, lunedì 3 maggio, l'ultimo mese di scuola. (Adnkronos)

Palermo, da domani in classe tre quarti degli alunni delle scuole superiori

Fanno sapere dalla Collodi che "l'istituzione scolastica mantiene un contatto continuo e diretto con l'Asl per il monitoraggio della situazione generale e comunicherà tempestivamente opportune disposizioni concordate con l'autorità sanitaria" (BrindisiReport)

“Comprendiamo che questo intervento abbia portato ad una maggiore spesa da parte delle casse pubbliche – ha spiegato il consigliere provinciale Zanella – ma è un investimento anche dal punto di vista educativo. (il Dolomiti)

Dopo mesi di presenze part time, le scuole superiori di Palermo tornano ad affollarsi di studenti. Perché in alcune scuole, poche, per carenza di locali non sarà possibile accogliere il 70 per cento di studenti. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr