Commissione UE: più tracciabilità per le crypto | Punto Informatico

Commissione UE: più tracciabilità per le crypto | Punto Informatico
Altri dettagli:
HelpMeTech ESTERI

a Commissione Europea propone una revisione delle normi anti-riciclaggio tirando pesantemente in ballo le criptovalute ed i flussi di denaro anonimi.

| Read More | Punto Informatico. Advertisements Loading

The post Commissione UE: più tracciabilità per le crypto appeared first on Punto Informatico.

(HelpMeTech)

Ne parlano anche altre testate

Come scrive HI Sutton le navi starebbero procedendo verso San Pietroburgo dove parteciperanno, il 25 luglio, alla tradizionale parata della Marina russa. Come abbiamo anticipato su AmericaCina del 16 luglio, si gioca anche una partita Italia-Cina: le due superpotenze culturali sono appaiate a 55 siti World Heritage a testa. (Corriere della Sera)

Che assicura che successivamente la rete aziendale non è stata violata, né estranei non autorizzati hanno avuto accesso ai dati in essa contenuti. La Usl Umbria 2 comunque assicura che dopo i fatti dell’11 aprile, su cui ancora sta indagando la Magistratura attraverso la polizia postale, estranei autorizzati non hanno avuto accesso ai dati aziendali. (TuttOggi)

Riconosciamo le dichiarazioni fatte da Alleati, come Canada, Stati Uniti e Regno Unito che assegnano la responsabilità per la compromissione dei server Microsoft Exchange alla Repubblica Popolare Cinese. (Il Fatto Quotidiano)

Cyber attacchi, gli Usa accusano il governo cinese per aver hackerato Microsoft

Gli USA hanno offerto fino a 10 milioni di dollari in cambio di informazioni in grado di identificare o localizzare i criminali protagonisti degli ultimi attacchi alle aziende e alle infrastrutture strategiche degli Stati Uniti, che operano sotto le direttive di un governo straniero. (Tom's Hardware Italia)

Le accuse, in particolare, sono state rivolte al Ministry of State Security (MSS) cinese. I fatti riguardano l'attacco hacker, emerso a marzo 2021, a Microsoft Exchange Server, software che aziende e organizzazioni in tutto il mondo utilizzano per gestire email e calendari. (ilmessaggero.it)

Washington ha protestato, assieme ad altri alleati, tra cui Nato, Canada, Australia, Giappone, Gran Bretagna e Unione Europea Gli Stati Uniti hanno formalmente accusato il governo cinese di aver violato il sistema email di Microsoft, utilizzato da governi, multinazionali e contractor militari. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr