Graviano: "Anche Dell'Utri tradito da Berlusconi"

Graviano: Anche Dell'Utri tradito da Berlusconi
Live Sicilia Live Sicilia (Interno)

Nel corso dell'interrogatorio il Procuratore aggiunto distrettuale di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo ha ricordato a Graviano le intercettazioni ambientali raccolte dagli inquirenti durante la comune detenzione con il camorrista pentito Umberto Adinolfi.

Se ne è parlato anche su altre testate

Ma quel nome, quello di Silvio Berlusconi, sembra quasi tormentarlo e nelle sue confidenze a Umberto Adinolfi continua a saltare fuori più volte. Ma rivela, sollecitato dal pm, che anche prima in effetti aveva cercato di far arrivare quel messaggio a Berlusconi. (MeridioNews - Edizione Palermo)

Un figlio concepito mentre era al 41 bis, cioè al carcere duro. Tremavo, tremavo", questo aveva raccontato Graviano al compagno di cella, non sapendo di essere intercettato in carcere dai magistrati del processo "Trattativa Stato-mafia". (Adnkronos)

"Non posso raccontare come andò, ci fu solo un momento di distrazione degli agenti ma mia moglie non è mai entrata in carcere", ha continuato. Non ho chiesto alcuna autorizzazione, ma ho approfittato della distrazione degli agenti Gom". (Fanpage.it)

"Sulla procedura di concepimento mi istruì "un ginecologo che non posso certo nominare", ha detto Graviano, deponendo in videoconferenza, in relazione al concepimento del figlio mentre era detenuto al 41 bis. (Rai News)

Vorrei capire se un passo verso di lei venne fatto, con un attimo di distrazione, facendo entrare sua moglie» – l’uomo dichiara: «La politica non c’entra in questa situazione, questa intercettazione non risponde alla realtà. (Open)

Tremavo, tremavo", questo aveva raccontato Giuseppe Graviano al compagno di cella, non sapendo di essere intercettato in carcere dai magistrati del processo “Trattativa Stato-mafia”. «Invece lei è voluta restare con me e così le dissi di preparare i documenti e di sposarci – racconta ancora Giuseppe Graviano – E ci siamo sposati. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti